È stata installata alcune settimane fa al King Abdulaziz Center for World Culture (Ithra) di Dhahran, in Arabia Saudita, Sorgente di Luce, la più grande opera finora realizzata da Giuseppe Penone (1947). La scultura è stata prodotta a Pietrasanta nella Fonderia d’Arte Massimo Del Chiaro, che collabora da tempo con l’artista e per il quale ha realizzato tutte le principali opere in bronzo tra cui la grande opere Foglie di Pietra, in mostra a Roma in Piazza Goldoni davanti a Palazzo Fendi.
Sorgente di Luce consiste in tre alberi in bronzo che sostengono un albero di acciaio inossidabile, diviso in dodici sezioni cave all’interno che sembrano sospese nel vuoto. L’interno di ciascuna sezione è illuminato con luci LED ed è rivestito con foglia d’oro a 24 carati che riflette la luce. Le dodici sezioni dei tronchi di acciaio inossidabile sono collegate agli alberi in bronzo da sessantaquattro rami. Ci sono volute circa 300 fusioni in bronzo a cera persa per realizzare tutte la parti componenti la scultura, che misura 28,5 metri di altezza, per 7,4 metri di larghezza, per 5,95 metri di profondità; il peso totale è di 15,2 tonnellate.

Video realizzato da Danae Project

Dati correlati
AutoreGiuseppe Penone
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.