Realizzato dalla filmmaker americana Joan C. Gratz (1941), Mona Lisa Descending a Staircase è un morphing che racchiude al suo interno decine di capolavori della storia dell’arte contemporanea, dal post-impressionismo di Van Gogh e Gauguin fino alla pittura contemporanea di Chuck Close, passando per l’Espressionismo, il Cubismo, il Surrealismo, il Dada e la Pop Art. Questo incredibile percorso visivo, che ha permesso alla Gratz di aggiudicarsi un Oscar nel 1992 nella categoria corti animati, è stato realizzato con una tecnica chiamata clay painting, che consiste nel manipolare a mano piccoli pezzi di creta mista ad olio su una superficie simile a un cavalletto. In sostanza, si tratta di riprodurre più fedelmente possibile le opere rappresentate e tutte le loro transizioni, per poi fotografarle. Un lavoro monumentale, che l’artista ha portato avanti per un intero decennio.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.