Icona indiscussa della moda britannica e internazionale, Vivienne Westwood (1941) ha attraversato i decenni senza perdere un briciolo della sua carica originale e sovversiva. Il documentario che racconta la sua straordinaria carriera, diretto da Lorna Tucker e distribuito in Italia da Wanted Cinema e Feltrinelli Real Cinema, arriverà nelle sale il prossimo 20 febbraio – in piena settimana della moda – ed è impreziosito da interviste, filmati d’archivio e numerosi materiali inediti. Raccontandosi in prima persona, la Westwood ripercorre la sua esistenza dalle proteste punk degli anni Settanta fino a oggi, spiegando come ha costruito la sua azienda e rievocando le sue amicizie con Gucci, Dior e McQueen.
Quello che mi ha fatto innamorare di lei è il suo essere genuina e determinata, così vera e così forte. Nonostante sia in là con gli anni, è così sexy e il fatto che sia riuscita a rompere il soffitto di cristallo diventando un’imprenditrice di successo in un mondo di uomini mi ha molto colpito”, ha commentato la regista.

Dati correlati
AutoreVivienne Westwood
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.