Quando pensi di aver imparato qualcosa, in realtà capisci che non hai neppure iniziato”. Risponde così Marina Abramović (1946) a chi le chiede di spiegare il suo concetto di eccellenza e il suo metodo per raggiungerla. In questa intervista realizzata per illycaffè, partner nella realizzazione della grande retrospettiva in corso a Palazzo Strozzi, l’artista serba risponde a una serie di domande brevi e precise, con l’obiettivo di raccontare la profonda passione per il proprio lavoro e lo strenuo tentativo di donare tutta se stessa al pubblico.
Nella clip si vedono anche le nuove tazzine firmate dalla Abramović in occasione della Barcolana 50 a Trieste, progetto che è stato recentemente al centro di un tentativo di censura che ha scatenato un’ampia discussione sulla libertà artistica nel mondo contemporaneo.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • antonio

    Spot televisivo . Mancava solo che dicesse che il caffè Illy apre alle porte della Trascendenza :)

  • Fabio Coruzzi

    Non ce la faccio piu’ con questa…… per dieci anni ha rotto le palle ai Newyorkesi che praticamente non la sopportano piu’….poi e’ passata a Milano e adesso che nemmeno dalle nostre parti non se la fila nessuno, ecco che la mettono a fare la testimonial degli scafisti prima e dei Veneti xenofobi poi….non produce niente di concreto da ormai 15 anni, cerca sempre soldi e si fa super pagare per dire e fare niente, zero assoluto…e questi la intervistano per chiederle come si fa… a fare che? na mazza. Loro la chiamano arte concettuale, una definizione anni 70 che sa di muffa, di vecchio, di superato e soprattutto superfluo…gli spettatori che piangono mentre si siedono di fronte a lei e tutti insieme contano i chicchi di riso con le piattole…. adesso Firenze dedica un bell’ assegno gonfio di soldini (pubblici) per farle dire cavolate senza senso mentre tutti i radical chic da falce e mirtillo sembrano compiaciuti…e grazie, tanto loro nun cacciano mai una lira, sempre a scrocco come da lunga tradizione italica. Trent’ anni fa era anche carina, adesso sembra il cofano arrugginito di una cadillac.. non vale nemmeno se rifacesse qelle cacate (performance le chiamano) tutta nuda. Rimandatela in Serbia, consegnate le targhe. Peace out

  • Angelov

    Ma come, ancora Lei?…
    La performance di far girare una tazzina…ai
    utoooooo