L’immaginario pop psichedelico della crew di street artist Broken Fingaz, già ammirabile sui muri di mezzo mondo, prende vita nel nuovo videoclip per il remix, prodotto da Beck, del singolo degli U2 Love is Bigger Than Anything In Its Way. Realizzato insieme allo studio di animazione Zaz animation, il video trae tutta la sua forza visiva dall’unione di due meticolose tecniche: la claymation (che prevede l’utilizzo di soggetti in plastilina animati fotogramma per fotogramma) e un uso un po’ particolare della stop-motion, per la quale è stata necessaria la creazione di più di 1200 dipinti ad acrilico.
Tra visioni metaforiche e atmosfere oniriche, l’animazione racconta le difficoltà, e la relativa forza, del protagonista, che affronta memorie e fantasmi del passato per superare le proprie costruzioni mentali e ricominciare a vivere. Rilasciato lo scorso 12 luglio, il videoclip non è però il primo a sancire una collaborazione con la band irlandese, precedenti sono infatti Get Out of Your Own Way e American Soul, tutti estratti dall’ultimo album, del 2017 Songs of Experience.

– Valerio Veneruso

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valerio Veneruso
Esploratore visivo nato a Napoli nel 1984. Si occupa, sia come artista che come curatore indipendente, dell’impatto delle immagini nella società contemporanea e di tutto ciò che è legato alla sperimentazione audiovideo.
Tra le mostre recenti alle quali ha partecipato: Multipli e Unici (Edicola Radetzky, Milano, a cura di REPLICA, 2019), VI Biennale di Incisione e Grafica Contemporanea (Galleria Civica dei Musei di Bassano del Grappa, 2019), Settima edizione del Premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee (Villa Brandolini, Pieve di Soligo, a cura di Carlo Sala, 2018). 
Tra le principali esperienze curatoriali: le mostre collettive Le conseguenze dell’errore (TRA Treviso Ricerca Arte, 2019) e L’occhio tagliato (Casa Capra, Schio, 2018), il workshop L’occhio tagliato – il potere della manipolazione dell’immagine nell’era contemporanea (Circolo cinematografico The Last Tycoon, Padova, 2016), il ciclo di incontri TorchioTalks – Dialoghi tra arte grafica e arte contemporanea e la relativa esposizione collettiva TorchioFolks, (atelier Palazzo Carminati della Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia, 2015/2016). È inoltre fondatore, insieme a Davide Spillari, del progetto editoriale BANANE FANZINE e co-curatore delle prime due edizioni del festival di arti interattive Toolkit Festival (Venezia, 2011 – 2012).
Collabora con Kabul Magazine e NOT. Attualmente vive tra Torino e il web.