Ebbene sì, che piaccia o meno, Spike Jonze (Rockville, USA, 1969) non ne sbaglia una. Così, dopo la regia dell’eccentrico spot per la fragranza firmata Kenzo, torna a far parlare di sé attraverso un altro video commerciale. A rappresentare l’oggetto capace di aprire le porte del mondo dei sogni questa volta non è un flacone di profumo, bensì HomePod, l’ultimo arrivato in casa Apple. Commissionato dal colosso hi-tech di Cupertino, Welcome home (questo il titolo del cortometraggio) nasce con l’intenzione di pubblicizzare il nuovo altoparlante smart capace di interagire con l’utente grazie a Siri, il celebre software di assistenza digitale sviluppato proprio dalla stessa Apple.
Più vicino ai linguaggi propri del cinema piuttosto che a quelli della pubblicità tradizionale, il video si apre con la protagonista, interpretata dalla celebre cantante e ballerina inglese FKA Twigs (Cheltenham, UK, 1988), intenta a tornare a casa in solitudine dopo una dura giornata di lavoro. Una volta entrata nell’appartamento, costellato da stampe grafiche ed elementi geometrico/decorativi che sembrano preannunciare ciò che avverrà di lì a poco, si avverte subito un senso di malinconia che si manifesta nel momento in cui la donna chiede a Siri di suonare un brano che possa piacerle.

IL MONDO IN UN GLITCH

Così come in Her, film del 2013 che valse a Jonze l’Oscar per la categoria “migliore sceneggiatura originale”, anche qui l’unica relazione vera che il personaggio principale sembra avere è con un’intelligenza artificiale. La richiesta viene accolta e dallo speaker iniziano ad uscire le note di Til it’s over, l’ultimo brano del giovane rapper e producer statunitense Anderson Paak (Oxnard, California, 1986), mentre nel frattempo la nostra protagonista si è preparata qualcosa da bere in tranquillità seduta sul suo divano. A un certo punto però i cubetti di ghiaccio contenuti all’interno del bicchiere di vetro accennano un movimento vorticoso, la mano di lei inizia a muoversi sul ritmo della canzone fino a quando non accade qualcosa di stupefacente. Le azioni della ragazza, con sua grande meraviglia, danno infatti inizio a una danza in grado di deformare oggetti e superfici generando forme proprie dell’estetica glitch. E così a ogni passo l’intero ambiente subisce una vera e propria metamorfosi rivelando volumi e colori nuovi che ricordano le geometrie che si possono trovare in opere di artisti contemporanei come Jim Lambie, Faig Ahmed, Sol Lewitt o Gerhard Richter. A cavallo tra dimensione onirica e pura introspezione, la coreografia, che spesso ammicca all’approccio user friendly tipico dei prodotti Apple, arriverà a portare la protagonista in uno spazio meno luminoso e colorato del precedente, ponendola faccia a faccia con se stessa e, di conseguenza, con le proprie insicurezze.

– Valerio Veneruso

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valerio Veneruso
Esploratore visivo nato a Napoli nel 1984. Si occupa, sia come artista che come curatore indipendente, dell’impatto delle immagini nella società contemporanea e di tutto ciò che è legato alla sperimentazione audiovideo.
Tra le mostre recenti alle quali ha partecipato: Multipli e Unici (Edicola Radetzky, Milano, a cura di REPLICA, 2019), VI Biennale di Incisione e Grafica Contemporanea (Galleria Civica dei Musei di Bassano del Grappa, 2019), Settima edizione del Premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee (Villa Brandolini, Pieve di Soligo, a cura di Carlo Sala, 2018). 
Tra le principali esperienze curatoriali: le mostre collettive Le conseguenze dell’errore (TRA Treviso Ricerca Arte, 2019) e L’occhio tagliato (Casa Capra, Schio, 2018), il workshop L’occhio tagliato – il potere della manipolazione dell’immagine nell’era contemporanea (Circolo cinematografico The Last Tycoon, Padova, 2016), il ciclo di incontri TorchioTalks – Dialoghi tra arte grafica e arte contemporanea e la relativa esposizione collettiva TorchioFolks, (atelier Palazzo Carminati della Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia, 2015/2016). È inoltre fondatore, insieme a Davide Spillari, del progetto editoriale BANANE FANZINE e co-curatore delle prime due edizioni del festival di arti interattive Toolkit Festival (Venezia, 2011 – 2012).
Collabora con Kabul Magazine e NOT. Attualmente vive tra Torino e il web.