Gerhard Richter (1932) è uno di quegli artisti che mettono d’accordo tutti. La potenza e la sincerità della sua pittura, mezzo con cui l’artista tedesco ha sperimentato per più di mezzo secolo, sono percepibili in ogni lavoro, sia esso figurativo o astratto. Notoriamente timido e restìo ad apparire davanti alle telecamere, Richter ha aperto per la prima volta le porte del suo studio nel 2007 alla filmmaker Corinna Belz, che ha girato prima un corto intitolato Gerhard Richter’s Window e poi un documentario vero e proprio uscito nel 2011.
Per realizzare Gerhard Richter Painting la regista ha trascorso ben tre anni nello studio di Colonia, cercando di raccontare la pratica quotidiana di Richter e gettando nuova luce sui suoi processi. Di particolare fascino sono le riprese da vicino realizzate durante la stesura del colore sui quadri astratti di grandi dimensioni, un processo in cui la forza fisica, la resistenza della materia e la magia espressiva del colore si uniscono per creare un’esperienza straordinaria.
Hai la sensazione che i dipinti ti guardino”, ha commentato la Belz, “c’è una forte fisicità nelle opere di Richter. Volevo che lo spettatore venisse immerso nella suspence del processo”.

www.gerhardrichterpainting.com

Dati correlati
AutoreGerhard Richter
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.