Le sue installazioni, fatte di grandi scritte in Futura Bold su sfondo rosso, spesso di dimensioni monumentali, sono inconfondibili. Barbara Kruger (Newark, 1945) torna a lavorare nello spazio pubblico di New York con una serie di interventi commissionati da Performa, evento biennale dedicato alle arti performative. A partire da una nuova installazione realizzata al Coleman Street Park, presentata in questo video da Steve Rodriguez, leggenda del settore e autore del recente redesign del parco, che ha collaborato alla sua realizzazione.
Ma la presenza dell’artista americana non si ferma qui. La Kruger ha infatti firmato anche una serie limitata di biglietti per la metropolitana, un billboard e un intervento su uno scuolabus. Dulcis in fundo, è prevista per oggi, 2 novembre, la sua prima performance live in assoluto, dal nome Untitled (The Drop), al Performa 17 Biennial Hub dalle 4 alle 8 di sera.

http://17.performa-arts.org/events/barbara-kruger-the-drop

Dati correlati
AutoreBarbara Kruger
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016, Lubiana 2017). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Attualmente insegna Digital Art al Politecnico di Milano. Dal 2011 collabora con Artribune.