Dall’omonimo romanzo di Stephen King pubblicato nel 1977, Stanley Kubrick trasse uno dei suoi capolavori: The Shining. Il cult movie, girato tra il 1978 e il 1979, racconta la storia di Jack Nicholson, alias Jack Torrance, uno scrittore in crisi che per ritrovare l’ispirazione accetta un posto di guardiano durante la stagione invernale all’Overlook Hotel sulle Montagne Rocciose. Parte così con sua moglie Wendy e il figlio di sette anni, Danny, senza sapere che quel viaggio cambierà per sempre le loro vite.
In occasione di Halloween e a 40 anni dalla pubblicazione del best seller con cui King terrorizzò i lettori di tutto il mondo, torna su grande schermo, nella sua versione da 119 minuti in italiano solo il 31 ottobre, l’1 e il 2 novembre il film di Kubrick più amato e influente di sempre. Un evento speciale che proporrà anche la proiezione dell’inedito cortometraggio intitolato Work and play, che rende omaggio alla frase che Jack Torrance scrive ossessivamente sulla sua macchina da scrivere: “All work and no play makes Jack a dull boy” nella versione inglese del film.

www.nexodigital.it

Dati correlati
AutoreStanley Kubrick
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.