Per gran parte degli occidentali i film dello Studio Ghibli di Hayao Miyazaki costituiscono il primo punto di contatto con l’animazione giapponese, quando non l’unico. Il loro stile inconfondibile, sia a livello di disegno che di narrazione, li rende un must per ogni tipo di pubblico e i loro prodotti vengono in genere apprezzati anche da chi non ama il cinema d’animazione.
In questo supercut appena uscito è possibile apprezzare i cambiamenti che i film di Studio Ghibli hanno subito nel tempo: dal 1984, data di uscita di Nausicaa della Valle del Vento (precedente alla fondazione dello studio stesso) fino al più recente Quando c’era Marnie, uscito nel 2015, passando per titoli celebri come Il mio vicino Totoro (1988), La Principessa Mononoke (1997), Il castello errante di Howl (2004) e molti altri.
Una pillola video di appena 9 minuti che sarà una piacevole visione sia per gli appassionati, che potranno ripercorrere l’evoluzione dei loro autori preferiti, che per i neofiti, che troveranno invece innumerevoli spunti per iniziare il loro viaggio di scoperta nel mondo dell’animazione made in Japan.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.