CampoSud è un progetto che nasce a Cagliari in occasione dell’Anno Gramsciano 2017. Le curatrici Giulia Palomba e Maria Paola Zedda, lo definiscono “un’isola di azione e di pensiero, temporanea e autonoma, dove artisti, curatori, filosofi e pensatori sono invitati a indagare la tensione tra dimensione estetica e praxis e a riflettere sulla relazione tra pratiche artistiche, curatoriali e politiche nell’arte contemporanea.
Tra i tanti ospiti dell’iniziativa, che è in corso fino al prossimo 1 ottobre e comprende lecture, proiezioni e mostre, c’è anche l’artista cileno Alfredo Jaar (1956; vive a New York), che ha partecipato al simposio in virtù delle sue tante opere ispirate al pensiero di Antonio Gramsci. In questa intervista, che pubblichiamo in esclusiva, Jaar racconta il percorso che lo ha portato ad avvicinarsi all’opera del grande intellettuale sardo, passando per il cinema di Rossellini e Antonioni e naturalmente la poesia di Pier Paolo Pasolini: “quando lessi Le Ceneri di Gramsci rimasi affascinato; pensai che si trattasse della miglior raccolta poetica del Ventesimo Secolo”.

Evento correlato
Nome eventoCampoSud. A visionary camp
Vernissage07/09/2017 ore 19
Duratadal 07/09/2017 al 01/10/2017
CuratoriGiulia Palomba , Maria Paola Zedda
Generiarte contemporanea, performance - happening, incontro - conferenza, serata - evento, musica
Spazio espositivoGIARDINI PUBBLICI
IndirizzoLargo Giuseppe Dessì - Cagliari - Sardegna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.