Pia, una giovane donna che vive da sola, riceve un disco misterioso e si mette ad ascoltarlo mentre addenta una pizza. Presto però scopre che non si tratta di un vinile qualsiasi: il disco le permette infatti di viaggiare avanti e indietro lungo tutta la sua vita, dalla nascita alla morte, semplicemente spostando la puntina nei diversi solchi. È questa la trama del divertente cortometraggio animato A Single Life (2014), realizzato dallo studio olandese Job, Joris & Marieke e candidato all’Oscar nel 2015. Da allora, questa breve animazione ha partecipato a più di duecento festival e ha vinto ben quaranta premi, ma solo nei scorsi giorni è stata pubblicata online integralmente. Dà il titolo al progetto la canzone che gli fa da colonna sonora, Single Life di Happy Camper.

www.jobjorisenmarieke.nl

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell'arte, curatrice e docente. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba. Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. La sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e nuove tecnologie, con particolare attenzione alle culture del web. Nel 2001 ha fondato Random Magazine, uno dei primi magazine online dedicati alla Net Art, ed è tra i membri fondatori delle riviste d’arte contemporanea Exibart e Artribune. Ha curato numerose mostre in musei e gallerie, tra cui “Netizens”, “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati”, “Maps and Legends. When Photography Met the Web”, “Eternal September” e “Stop an Go. The Art of Animated Gifs”. È stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” e ha lavorato come docente per numerose istituzioni pubbliche e private (Università di Roma La Sapienza, LUISS, Istituto Europeo di Design, Fondazione Moderna Arti Visive).