È una mostra imperdibile, quella che la Tate Modern di Londra dedica ad Alberto Giacometti (1901-1966), riunendo per la prima volta un corpus vastissimo di opere, che conta oltre 250 lavori tra sculture e disegni. Unendo le proprie risorse con quelle della Fondation Alberto e Annette Giacometti di Parigi, il museo inglese ha messo insieme un percorso completo ed emozionante, che celebra lo scultore svizzero mettendo in evidenza le molteplici sfaccettature del suo lavoro. Una ricerca, la sua, che si è intrecciata con i movimenti avanguardistici del tempo – il Surrealismo in primis – restando però sempre inafferrabile e profondamente personale. E influenzando tutte le generazioni di artisti a venire.
In questo video, la direttrice della Tate Modern Frances Morris, che ha anche curato la mostra, ci accompagna attraverso le sale, soffermandosi su alcuni dei lavori più significativi, tra cui la serie di sculture Women of Venice, che non viene esposta integralmente dalla Biennale di Venezia del 1956.

Dati correlati
AutoreAlberto Giacometti
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.