Ogni anno, nella città cinese di Harbin si svolge l’Harbin International Ice and Snow Sculpture Festival, una manifestazione temporanea che prende vita solo in inverno, dall’inizio di gennaio alla fine di febbraio. Per l’occasione decine di artisti della neve e del ghiaccio producono incredibili costruzioni e sculture, trasformando la città in un museo a cielo aperto.
In questo video, il sito Great Big Story raccoglie la testimonianza di Jinnan Zheng, uno degli scultori più noti e ammirati tra quelli impegnati in questa particolare pratica. L’artista spiega nel dettaglio il processo di realizzazione delle sue opere, dal primo schizzo alla finitura, fino al momento un po’ malinconico in cui le temperature salgono e le sculture scompaiono: “ogni anno, quando iniziano a sciogliersi, non riesco neanche a guardarle. Però il loro carattere effimero mi dà lo stimolo per creare ogni volta un’opera migliore”.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.