Cinque minuti di video per un (auto)ritratto d’artista intenso ed efficace. Picturing Barbara Kruger, un cortometraggio diretto da Pippa Bianco nel 2014 su commissione del Los Angeles County Museum of Art, è costruito attorno alla voce narrante dell’artista stessa, che ci accompagna attraverso il suo percorso creativo dagli inizi, quando ancora lavorava come grafica nei giornali, ad oggi.
La Kruger (Newark, 1945) è una delle personalità artistiche più influenti e imitate al mondo; il suo inconfondibile stile visivo, fatto di brevi e potenti slogan che viaggiano da soli oppure accompagnati da immagini, è stato copiato e rivisitato centinaia di volte. La stessa Kruger, che si dichiara affascinata da questo uso “non autorizzato” delle sue immagini, ha prodotto un’opera utilizzando decine di file trovati su Internet che ricordano il suo lavoro ma non sono stati prodotti da lei: “il modo in cui le mie immagini hanno viaggiato sulla rete, in varie forme, sia fatte da me che da altre persone, mi fa piacere e mi diverte”, commenta.

– Valentina Tanni

Dati correlati
AutoreBarbara Kruger
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.