Architetto tra i più apprezzati al mondo, Santiago Calatrava (Valencia, 1951) ha firmato molti edifici spettacolari, tra cui la stazione Guillemins di Liegi, la Città dell’Arte e della Scienza di Valencia, il Turning Torso di Malmo e il World Trade Center Transportation Hub a New York. Ma l’architetto spagnolo, che si racconta in questo cortometraggio diretto dalla regista statunitense Alexandra Liveris per il magazine Nowness, è un artista a tutto tondo, appassionato di disegno, pittura e scultura. Lo vediamo nel suo studio alle prese con i bozzetti preparatori delle sue opere, intento prima di tutto a immaginare la forma e l’impatto estetico delle architetture, considerandole in stretta relazione con l’ambiente circostante e con le persone che lo abitano. Ispirato dalle forme più semplici e dal mondo organico – la natura, il corpo umano, i movimenti primari – Calatrava cerca di trasferire queste nozioni universali all’interno dei suoi edifici, immaginandoli come creature viventi.

Dati correlati
AutoreSantiago Calatrava
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.