Terry Gilliam, Orlan, David LaChapelle e Tomoko Nagao. Quattro artisti contemporanei raccontano il proprio rapporto con l’opera di Sandro Botticelli (1445-1510), e con La nascita di Venere in particolare. L’opera di Botticelli, così iconica ed elegante, continua a ispirare e provocare, ad oltre 5 secoli dalla sua creazione, spingendo artisti, registi e designer a reinterpretare i suoi soggetti e le sue forme. Il video che vi proponiamo, pubblicato dal Victoria & Albert Museum di Londra, è stato girato in occasione della mostra Botticelli Reimagined, a cura di Mark Evans e Ana Debenedetti: una mostra che spazia dall’arte al cinema, passando per la moda e il design. Partendo dall’Ottocento, in cui spicca l’opera dei Preraffaelliti, per arrivare fino alle opere degli artisti contemporanei.
E se il regista Terry Gilliam vede nella Nascita di Venere una scena piena di humor, la performer francese Orlan, pioniera della body art più estrema, pone l’attenzione sulla Venere come ideale di bellezza femminile. David LaChapelle invece prende a prestito la composizione di Venere e Marte per realizzare con la fotografia un immaginario “Ratto d’Africa”. Tomoko Nagao, infine, mescola l’arte rinascimentale con una serie di riferimenti alla vita contemporanea, utilizzando un’estetica pop e superflat tipicamente giapponese.

– Valentina Tanni

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016, Lubiana 2017). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Attualmente insegna Digital Art al Politecnico di Milano. Dal 2011 collabora con Artribune.