L’atmosfera di forte competizione che c’era tra Henri Matisse e Pablo Picasso è ben nota. Si osservavano, si studiavano a vicenda, portando avanti una specie di guerra estetica, un rivaleggiare a colpi di opere d’arte. Quando Gertrude Stein li aveva fatti conoscere nel 1909, Matisse le aveva detto che lui e Picasso erano “diversi come il Polo Sud e il Polo Nord”. Questo affascinante rapporto, fatto di stima e rivalità, è stato raccontato più volte dai loro contemporanei e dagli storici dell’arte, oltre a essere indagato in alcune mostre storiche, come quelle organizzate dal Kimbell Art Museum, in Texas (Matisse and Picasso: a Gentle Rivalry, 1999) e dal MoMA di New York (Matisse Picasso, 2003).

Oggi gli studenti del prestigioso dipartimento di animazione della Gobelins L’École de L’Image di Parigi immaginano i due artisti intenti a darsele di santa ragione, a colpi di cazzotti e pennellate di colore. La rissa è ambientata nel bar Lapin Agile, un locale di Montmartre molto caro agli artisti dell’epoca, immortalato anche da Picasso in un’opera del 1905. L’animazione, che sta facendo il giro del web in queste ore, ha debuttato all’International Animated Film Festival di Annecy (13-18 giugno 2016).

– Valentina Tanni

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.