Quindici location poco conosciute di Firenze valorizzate da un calendario di performance ed eventi di qualità. È il progetto Secret Florence, realizzato da Pitti Uomo in collaborazione con il Comune e con una lunga lista di soggetti cittadini impegnati sul fronte culturale.
Nei tre giorni precedenti l’apertura della kermesse di Pitti dedicata alla moda maschile – in programma alla Fortezza da Basso da oggi fino al 17 giugno – si è svolto un programma di iniziative, tutte ad accesso gratuito, pensate per potenziare la capacità attrattiva di Firenze nei confronti di un pubblico internazionale giovane, interessato ai linguaggi della creatività contemporanea: arti visive, musica, danza, cinema, teatro, performance. Realtà come il Museo Marino Marini, il Museo Novecento, Tempo Reale, Virgilio Sieni/Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza, Fondazione Fabbrica Europa, Le Murate Progetti Arte Contemporanea e Lo schermo dell’arte Film Festival si sono eccezionalmente unite, dando vita a un’iniziativa composita. Nel video che vi proponiamo si snoda una sintetica panoramica dei momenti salienti del progetto, che si è svolto dall’11 al 13 giugno in luoghi di grandissimo fascino come (tra gli altri) il Cenacolo di Andrea Del Sarto a San Salvi, la Biblioteca di San Marco di Michelozzo, il Chiostro verde di Santa Maria Novella e il Gabinetto Letterario G. P. Vieusseux.

Appendice finale di Secret Florence, la mostra di Nanni Balestrini al Museo Novecento, che inaugura domani, 15 giugno. Colonne Verbali, un’installazione site-specific, coinvolgerà il loggiato rinascimentale del complesso delle Leopoldine. Raffinati arazzi disegnati dall’artista rivestiranno le colonne del loggiato suggerendo una complessa analogia tra le lettere, elementi basilari del sistema verbo-visivo, e le colonne, fondamento della sintassi architettonica.

www.pittimmagine.com

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.