Come s’introduce anche sul sito, la Moleskine è un brand con una lunga e leggendaria storia, essendo l’erede più prossimo del tipico taccuino amico fedele di artisti e intellettuali da due secoli a questa parte. Vincent Van Gogh, Pablo Picasso, Ernest Hemingway e Bruce Chatwin erano solo alcuni dei suoi sostenitori. L’oggetto “anonimo ed essenziale, che ha custodito schizzi e appunti prima che diventassero quadri e libri famosi” adesso ha deciso di associare il suo nome alla televisione, lanciando una linea interamente ispirata alla serie di successo della HBO Game of Thrones.

Per la promozione dei nuovi prodotti lo studio milanese Dadomani ha ricostruito la sigla del telefilm usando esclusivamente carta Moleskine: 7600 ritagli per modellare ingranaggi, ruote, ponti levatoi, torri e stemmi, animati poi in stop motion con gli stessi effetti dell’intro originale. Sono quattro i libretti della collezione, più uno raro reperibile solo nei negozi monomarca. Le serigrafie delle copertine sono state disegnate dall’artista emergente Levente Szabò e il prezzo oscilla tra 19 e 25 euro.

– Federica Polidoro

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.