Adesso William Kentridge è il più celebre artista sudafricano e uno dei più grandi artisti viventi al mondo, eppure c’è stato un momento nella sua vita in cui sembrava negato per qualsiasi attività. Nel breve e incisivo documentario che proponiamo oggi, l’artista svela i fallimenti che l’hanno portato a trovare la strada per il successo.
Voleva essere un pittore, ma non era portato per il pennello. Abbandonò tutto per il teatro, lasciandosi alle spalle Johannesburg, alla volta di Parigi. Ma anche lì, in breve, fu chiaro che non sarebbe mai stato un attore. Infine, quando anche le sue aspirazioni registiche furono deluse, ricominciò da capo, disimparando tutto. Ripartì dal disegno e, finalmente, cominciò a sentirsi a suo agio, aggiungendo media e generi che da soli non avevano funzionato.
Nel film, quando Kentridge racconta del “carboncino” ne parla come se fosse vivo, come se fosse un compagno di viaggio. Sostiene che “per sua natura si può modificare alla stessa velocità del pensiero”. Il processo del divenire è al centro dell’opera dell’artista. Un film si costruisce, infatti, tramite frammenti che s’interpretano retrospettivamente, attraverso il tempo che li modifica. Questo è un metodo per dare un senso al mondo, piuttosto che un’indicazione su cosa il mondo significhi.
Dopo il divenire, l’altra categoria fondamentale nella sua ricerca è l’incertezza. Più vicina alla realtà delle cose, è connessa alla provvisorietà della vita. “Si può leggere il mondo – sostiene Kentridge – come una serie di fatti, oppure come una rivelazione. Così lo stesso evento, in contesti differenti, cambia completamente significato o forma.” 

– Federica Polidoro 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.