Giovanni Frangi (Milano, 1959), come afferma lui stesso, è da sempre alle prese con la natura. Il paesaggio, gli alberi, ma anche lo scenario urbano, le tangenziali e gli svincoli delle autostrade: sono questi i cardini della sua ricerca.

La pittura è il mezzo espressivo primario dell’indagine di Frangi, tuttavia egli procede immortalando fotograficamente il soggetto individuato e solo successivamente interviene col colore. Una necessità di perpetuare il momento, un’inquadratura, per definirne i confini e al contempo ampliarne gli orizzonti. Frangi ricerca nell’arte un “dialogo”, con se stesso, ma anche con il mondo circostante, sperimentando differenti tecniche e investigando sempre nuovi desideri.

Alberto Mattia Martini

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alberto Mattia Martini
Alberto Mattia Martini, critico d'arte e curatore ha al suo attivo numerose ed importanti mostre organizzate sia in spazi pubblici, che in gallerie private. Attualmente insegna Storia dell'arte, del costume e dei linguaggi artistici e Metodologia per la movimentazione delle opere d'arte, presso l'Accademia di Belle Arti Acme di Milano. Ha rivestito il ruolo di Direttore dell'Accademia di Belle Arti di Rovereto e di Direttore Artistico presso la Lbera Accademia di Belle Arti di Brescia, dove ha insegnato anche Storia dell'Arte Contemporanea e Moderna. Giornalista inscritto all'albo nazionale, ha collaborato e collabora con numerose testate tra cui tra cui: Flash Art, D’Ars, Artein Espoarte e Artribune.com. É inoltre inscritto all'Albo dei Consulenti Tecnici d'Ufficio del Tribunale di Parma. Ha collaborato per diversi anni, fino alla sua morte con Pierre Restany, noto critico internazionale nonché fondatore del movimento artistico del Nouveau Réalisme.