VALENTINO, RITORNO A ROMA CON TRIONFO
Sette anni di meraviglie, imbastendo racconti d’eleganza, stile, regalità, essenzialità. Dal 2008 direttori creativi di Valentino, Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli hanno costruito per la maison un nuovo volto eccellente. Collezione dopo collezione, lo stupore si rinnova al cospetto di creazioni impeccabili, capaci di fare del romanticismo e della classicità qualcosa di sorprendente, sempre. Mai scontato, mai sotto tono. Intuizioni felici, tra misura esatta e preziosità estrema, tra compostezza e libertà creativa.
Valentino, quest’estate, è tornato a casa. Dopo anni sui catwalk parigini, il marchio sceglie di esibirsi a Roma, come ai vecchi tempi. E lo fa in apertura di AltaRoma, un giorno prima dell’evento. Sfilata storica sotto le stelle, apparecchiata in Piazza Mignanelli, là dove ha sede l’atelier. Settecento ospiti, una schiera di star –  da Tilda Swinton a Gwyneth Paltrow, da  Luca Zingaretti a Luisa Ranieri, da Isabella Ferrari a Owen Wilson – e un teatro all’aperto assolutamente magico: sullo sfondo le note celestiali dell’Adagio per archi di Samuel Barber, con un coro di otto voci che intona l’Agnus Dei. Set cinematografico perfetto.
Mirabiliae Romae si chiama la collezione. E l’omaggio alla Città Eterna scansa i cliché e le ridondanze, per trovare forme castigate ma suadenti, monumentali ma sobrie, capaci di intercettare lo spirito più aristocratico ed arcaico della mitologia capitolina.

PAGANESIMO, SIMBOLISMI E GRANDI ARCHITETTURE
Ouverture imperiale con un lungo abito nero in tulle di seta e velluto: l’aquila di Zeus sul petto, la testa che sporge lasciando che il tessuto diventi scultura, un nastro rosso sotto il seno e un tappeto di piume che accompagna le trasparenze, lungo la gonna. Protagonista è sempre il nero, accompagnato da tocchi di rosso cardinalizio e da continui riverberi d’oro. “Le nostre donne sono un po’ dee pagane è un po’ Madonne nere”, spiegano i due stilisti; che in effetti hanno inscenato un Olimpo contemporaneo dall’anima oscura, in cui il senso del sacro, la storia, le antiche simbologie e gli incastri tra eros e thanatos si incarnano in queste eteree divinità femminili.
Fra tuniche fluenti, sandali alla schiava, ampie gonne trasparenti, lunghi abiti che seguono le linee morbide dei corpi, si avvicendano continui rimandi all’architettura, al paesaggio, alla ritualità religiosa.

Valentino, Mirabiliae Romae - Roma, 2015
Valentino, Mirabiliae Romae – Roma, 2015

Come per la cappa in velluto in cui rivivono gli archi del Colosseo, o come il cappotto in broccato di seta che emula preziosi pavimenti in mosaico; o ancora, la cappa battezzata “Foro Romano”, i tessuti come tarsie barocche, finezze bizantine o decori marmorei a scacchiera, il lungo abito con mantello ispirato al cielo stellato di Roma o quell’altro, concepito come una gabbia aurea, in cui si attorcigliano foglie e rami d’ulivo. E poi l’aquila stampata su una tunica scura, le spighe di grano e le rigogliose messi di primavera, i monili liturgici o esoterici scolpiti a mano.
Come sempre, la qualità dei tagli, l’accostamento dei tessuti e l’ossessione sartoriale per il dettaglio si sommano al lavoro di ricerca iconografica e allo studio architettonico dei volumi e delle linee. Con quella capacità, più unica che rara, di infondere un fascino senza tempo e una vera attitudine colta al grande teatro della moda.

Helga Marsala

www.valentino.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critica d'arte, giornalista, editorialista culturale e curatrice. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è stata anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatorice dell’Archivio S.A.C.S (Sportello Artisti Contemporanei Siciliani) presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.