Video di: Marco Aprile
Produzione: Artribune Television

È il perno del progetto espositivo, collocato non in apertura, ma al centro del percorso. Cuore pulsante e immagine guida della mostra, L’Impero delle luci di René Magritte detta il ritmo e disegna le atmosfere di questo viaggio curatoriale, costruito intorno ad un incastro di suggestioni luminose, tra oscurità e improvvisi bagliori, chiaroscuri, estroflessioni candide e paesaggi notturni. Ma a diramarsi sono anche ombre, riflessi, fenditure, evocazioni concettuali, tra l’occhio e la memoria; e poi il classico e l’onirico, astrazioni e simbolismi, rappresentazioni del femminino, del lunare, del corporeo e dello spirituale.
Così, quel celebre quadro, che unisce in un’immagine impossibile un cielo azzurro e una città avvolta nel buio, diventa l’incipit di un progetto strutturato secondo un format lanciato nel 2002: “Temi e Variazioni”, curato da Luca Massimo Barbero per la Collezione Peggy Guggenheim, affianca opere storiche della raccolta veneziana ad altre di artisti contemporanei, sul filo di corrispondenze tematiche e micro spostamenti.

Iscriviti a Incanti. Il settimanale di Artribune sul mercato dell'arte

 
 

Quest’edizione, che prende il suo sottotitolo dal capolavoro di Magritte, mette insieme una quarantina di autori tra i più disparati, tirando fuori accostamenti a volte sorprendenti: da Gabriele Basilico ai coniugi Becher, da Agostino Bonalumi a Pier Paolo Calzolari, da Salvador Dalí a Willem de Kooning, da Marcel Duchamp a Max Ernst, da Lucio Fontana a André Kertész, da Nate Lowman a Mark Rothko, da Thomas Ruff, a Mario Sironi, da Kiki Smith a Hiroshi Sugimoto, da Antoni Tàpies a Piotr Uklański.
Il cammeo che completa l’esposizione è dedicato a Fausto Melotti e al suo gruppo di sculture battezzato Tema e Variazioni, da cui il titolo del ciclo ideato da Barbero. Diciotto opere che guardano alla musica, costruendo un paesaggio di ritmi e di scansioni, di timbri e contrappunti, quasi a evocare partiture segrete, pronte a risuonare a livello dell’immaginazione. Geometrie sonore, sul limite che congiunge la terra e il cielo, la materia scultorea e il piano dell’idea, la preziosità dei materiali e l’eterna armonia delle forme.

Helga Marsala

“Temi & Variazioni. L’impero della luce”
a cura di Luca Massimo Barbero
fino al 14 aprile 2014
Collezione Peggy Guggenheim
Dorsoduro 701
www.guggenheim-venice.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critica d’arte, giornalista, editorialista culturale e curatrice. Insegna all’Accademia di Belle Arti di Palermo e di Roma (dove è stata anche responsabile dell’ufficio comunicazione). Collaboratrice da vent’anni anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo, fino al 2010, come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la testata culturale Artribune, dove ancora oggi lavora come editorialista, collaborando col team di direzione e operando come curatrice e project manager nel nuovo comparto aziendale Artribune Produzioni. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica, politica, costume, comunicazione, attualità e linguaggi creativi contemporanei. Presso Riso Museo d’Arte contemporanea della Sicilia è stata curatrice dell’Archivio S.A.C.S (Sportello Artisti Contemporanei Siciliani) e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti, prevalentemente presso spazi pubblici italiani, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. È stata membro di commissioni e giurie per premi/residenze d’ambito nazionale, riservati ad artisti. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell’Assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana.