Gli scenari apocalittici di Josh Kline. A Torino

Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino – fino al 12 febbraio 2017. L’artista americano affronta le conseguenze catastrofiche del progresso tecnologico e punta lo sguardo su un futuro fantascientifico, dove la tecnologia prende il controllo dell’individuo. Trasformando l’uomo in oggetto di scarto.

Josh Kline – Unemployment - exhibition view at Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino 2016
Josh Kline – Unemployment - exhibition view at Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino 2016

L’ALTRO VOLTO DELLA TECNOLOGIA
“Per gli esseri umani è naturale superare continuamente i propri limiti. La spinta a trasformare sé stesso e il proprio ambiente fa parte dell’essenza dell’uomo”, afferma Max More in merito al superamento dei limiti delle capacità umane grazie alle possibilità offerte dal progresso tecnologico con l’obiettivo di ottenere benefici fisici e sociali, secondo le teorie post-umaniste. Le stesse dalle quali muove Josh Kline (Philadelphia, 1979) per dare luogo ai suoi scenari apocalittici, risultato dell’abnorme sviluppo scientifico tecnologico, cardine dell’imminente estinzione dell’umanità.

UN FUTURO INQUIETANTE
Personale d’esordio in Italia dell’artista americano, Unemployment è il secondo capitolo di un ciclo che offre una riflessione su tematiche politico-economiche destinate a svilupparsi nei prossimi decenni. Uno sguardo inquietante sul futuro partendo dalla condizione presente. Installazioni, sculture e video danno modo di immergersi negli anni Trenta del Duemila per vivere i devastanti effetti di una nuova crisi economica che investe quel che resta della classe media, privata anch’essa del proprio lavoro. Una condizione di disoccupazione sempre più drammatica dove la tecnologia sostituisce l’uomo per una evoluzione artificiale, rivelando il lato oscuro di ciò che vorrebbe essere un beneficio per l’umanità.

Josh Kline – Unemployment - exhibition view at Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino 2016
Josh Kline – Unemployment – exhibition view at Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino 2016

ESISTENZA E DISTOPIA
Ad accogliere il pubblico, nella semioscurità, bolle in vetro soffiato sospese al soffitto, che inglobano le classiche scatole di cartone con gli effetti personali dei lavoratori licenziati. Piccole vite in scatola scandiscono quell’esistenza ora negata e anticipano l’orrore della sala successiva: uomini e donne in posizione fetale che diventano rifiuti da smaltire insieme agli oggetti che li hanno accompagnati nel quotidiano. Una visione distopica dell’esistenza umana, di un mondo sull’orlo del baratro, che non lascia indifferenti. Una disumanizzazione del lavoro, dove la tecnologia prende il sopravvento sull’uomo, quella stessa tecnologia – tra stampa 3D e programmi di grafica – che l’artista paradossalmente utilizza per dare vita al progetto confluito in un video, unico spiraglio di positività. Ovvero uno spot sullo stile delle pubblicità progresso interpretato dalla gente comune che utilizza la tecnologia nella vita odierna e che chiama in causa il pensionamento anticipato. In caso contrario, la risposta è proprio davanti allo schermo: un futuro tra cartoni e stracci riciclati.

Roberta Vanali

Torino // fino al 12 febbraio 2017
Josh Kline – Unemployment
FONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO
Via Modane 16
011 3797600
[email protected]
www.fsrr.org

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/57225/josh-kline-unemployment-harun-farocki-parallel-i-iv/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Vanali
Roberta Vanali è critica e curatrice d’arte contemporanea. Ha studiato Lettere Moderne con indirizzo Artistico all’Università di Cagliari. Per undici anni è stata Redattrice Capo per la rivista Exibart e dalla sua fondazione collabora con Artribune, per la quale cura due rubriche: Laboratorio Illustratori e Opera Prima. Per il portale Sardegna Soprattutto cura, invece, la rubrica Studio d’Artista. Orientata alla promozione della giovane arte con una tendenza ultima a sviluppare ambiti come illustrazione e street art, ha scritto oltre 500 articoli e curato circa 150 mostre per gallerie, musei, centri comunali e indipendenti. Tra le ultime: la doppia mostra di Carol Rama in Sardegna, L’illustrazione contemporanea in Sardegna, Archival Print. I fotografi della Magnum. Nel 2006 ha diretto la Galleria Studio 20 a Cagliari. Ha ideato e curato la galleria online Little Room Gallery (2010-13). Ha co-curato le mostre del Museo MACC (2015-17), per il quale nel 2018 è stata curatrice. Ha scritto saggi e testi critici per numerosi cataloghi e pubblicazioni. Il cinema è l’altra sua grande passione.