Strutture dell’imprevedibilità. Elena Damiani a Milano

Galleria Francesca Minini, Milano – fino al 16 gennaio 2017. L’elegante personale dell’artista peruviana si trasforma in una nuova, introversa messa in scena di contrasti consustanziali, tra pietre e metalli. I lavori recenti utilizzano moduli geometrici che filtrano, sezionano e accostano concrezioni cristalline di diversa natura, amplificandone gli effetti visivi.

Elena Damiani, Partition, 2016
Elena Damiani, Partition, 2016

Elena Damiani (Lima, 1979) presenta nella galleria di Lambrate un raffinato saggio di geologia strutturale, attraverso l’alternanza di carotaggi in sezione. La mostra, fin da principio, si presenta come la riformulazione di un vaglio, uno strumento di scelta elegante che, tra maglie metalliche di diversa ampiezza e disegni delle venature lapidee, mette in griglia l’andamento ondulato o serpeggiante dei movimenti cristallini, intrappolati dalle pietre. Lavori come Unsaturated mudcrack, come la serie di Filters alle pareti o come il volume morfologico del travertino in Casting voids, delineano la bellezza delle colorazioni metalliche e la irregolarità delle intrusioni cristalline, valorizzando, per contrasto, le caratteristiche delle venature utilizzate al pari di opere di tarsia lignea, guidata dalla lucentezza ieratica di ottone e rame. Nella sala più estrema della galleria, Partition, tra reti di ottone e superfici in travertino, richiama l’incipit di passaggio di Flow Structures, attraverso tasselli di pietra spugnosa dominati da strati di materia fossile che filtrano la luce anticipandola, con motivi materici tra artificialità e casualità, tra permanenza e immanenza.

Ginevra Bria

Milano // fino al 16 gennaio 2017
Elena Damiani – Flow Structures
FRANCESCA MININI
Via Massimiano 25
02 26924671
[email protected]
www.francescaminini.it

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/57637/elena-damiani-flow-structures/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. È specializzata in arte contemporanea latinoamericana.