Qualcosa di personale. Astrid Oudheusden a Roma

Associazione Culturale Atelier, Roma – fino al 29 ottobre 2016. Una pittura di osservazione e meraviglia, fatta di intensi bozzetti e scene di vite sospese. Tutto questo compone la personale capitolina dell’artista olandese.

Astrid Oudheusden, Mindfulness
Astrid Oudheusden, Mindfulness

Di fronte ai lavori raccolti in Nothing Personal, la nuova mostra italiana di Astrid Oudheusden (Lochem, 1967; vive ad Amsterdam), il primo riferimento che viene in mente non è pittorico, bensì cinematografico: ciò non solo per il peculiare gusto fotogrammatico dell’artista, ma anche per una risonanza – tra il bozzettistico e l’epocale, dove il secondo termine rimanda alla nozione di epoché come sospensiva del giudizio, più che a tempi storici e lunghi – con la vecchia tesi di Alexandre Astruc della caméra-stylo, ovvero un mezzo espressivo-visivo a disposizione dell’osservazione per annotazioni personali. Il pennello-penna della Oudheusden, in effetti, si dedica a ritratti di minima quotidiana, solitamente colti lungo le vie e i canali di Amsterdam che conducono l’artista dalla propria casa allo studio: è una pittura che non giudica mai i propri soggetti, ma, nel suo intenso registrare le piccole meraviglie del mondo, induce piuttosto a giudicare la nostra residua capacità di apprezzarle con la dovuta gratitudine.

Luca Arnaudo

Roma // fino al 29 ottobre 2016
Astrid Oudheusden – Nothing personal

a cura di Ljuba Jovicevic e Ana Laznibat
ASSOCIAZIONE CULTURALE ATELIER
Via Panisperna 236
[email protected]
www.astridoudheusden.nl

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/56449/astrid-oudheusden-nothing-personal/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Luca Arnaudo
Luca Arnaudo è nato a Cuneo nel 1974, vive a Roma. Ha curato mostre presso istituzioni pubbliche e gallerie private, in Italia e all'estero; da critico d'arte è molto fedele ad Artribune, da scrittore frequenta forme risolutamente poco commerciali, come raccolte di racconti, poesie, prosimetri, ma più di recente si diverte soprattutto con storie illustrate per bambini. In una vita perpendicolare è anche giurista e docente universitario, esperto di cose che qui non interessano.