Inconscio e dintorni. Anastasia Starovoitova a Milano

Whitelight Art Gallery, Milano – fino a 30 settembre 2016. L’artista russa approda nella città lombarda con una mostra che coinvolge il pubblico in un viaggio alle radici dell’inconscio.

Anastasia Starovoitova, Abstract content of dreams & nightmares – photo Nicola Gnesi
Anastasia Starovoitova, Abstract content of dreams & nightmares – photo Nicola Gnesi

“La vida es sueño…”, scriveva Pedro Calderón de la Barca, mentre Freud sosteneva che “regrediamo” mentre sogniamo. Possono essere mille le interpretazioni del nostro inconscio e delle immagini che produciamo mentre sogniamo, ma le opere astratte di Anastasia Starovoitova (Arkhangelsk, 1973) non cadono nel regresso, accompagnandoci nel processo creativo di un’artista che cresce riportando sulla tela le sue emozioni. Anastasia coinvolge lo spettatore seguendo la logica di Duchamp, che riconosce nel fruitore dell’opera un “co-creatore”. Durante il vernissage l’artista ha proposto una sorta di scompaginazione, dando ai presenti la possibilità di decidere la collocazione e la disposizione delle opere nello spazio. La sede espositiva si fa atelier e luogo di lavoro e movimento. Il caos è solo apparente, sempre controllato, come l’arte di Starovoitova, che affonda le sue radici negli studi di cibernetica e matematica.

Anna Kostina

Milano // fino al 30 settembre 2016
Anastasia Starovoitova – abstract content vol. 2 of dreams & nightmares
a cura di Martina Cavallarin
WHITELIGHT ART
Via Copernico 38
334 1499233
[email protected]

www.whitelightart.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/55916/anastasia-starovoitova-abstract-content-vol-2-of-dreams-nightmares/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Anna Kostina
Nata e cresciuta a Mosca, dopo la laurea in Sociologia e il diploma in Architettura d’interni lavora come designer in varie città d’Europa. Dopo qualche anno si stabilisce a Milano, ma continua a fare la spola tra l'Italia e Mosca. Quando la rivista russa “Plus. New Trends” le propone di farle da corrispondente, comincia la sua esperienza da giornalista. Che inizia per caso, ma va avanti a lungo. Collabora con varie testate: “Architectural Digest”, “Vogue”, “Traveller”, “L’Officiel”, “IoDonna”, “Rolling Stone”, “Project International”, “Project Russia”, “Afisha Mir”, “Area”, “DDN”. Scrive articoli e interviste su vari temi: architettura e design, viaggi, arte e moda. Appassionata d’arte, collabora con la galleria milanese d’arte contemporanea russa “Nina Due”.