Su energie e squilibri. Nuovi esperimenti del contemporaneo a Cosenza

Galleria Nazionale, Cosenza – fino al 2 luglio 2016. In occasione della Notte dei Musei, Palazzo Arnone ha inaugurato una mostra che riconferma il suo impegno verso le giovani generazioni di artisti (non solo) del territorio. Come luogo della costruzione estetica proiettato anche e fortemente sul suo futuro di fabbrica contemporanea.

Niccolò De Napoli, Senza titolo - Galleria Nazionale di Cosenza, 2016 - photo Alessia Musolino
Niccolò De Napoli, Senza titolo - Galleria Nazionale di Cosenza, 2016 - photo Alessia Musolino

Piani Inclinati. Fabbrica contemporanea è la mostra che percorre una serie di sale della Galleria Nazionale cosentina, con il presupposto di scuotere lo spettatore tramite uno scorrimento, prima lento e poi più fluido, di tensioni dialettiche. Ora fisiche ora psicologiche. Si parte (e ci si blocca letteralmente) con Locus terribilis del duo {movimentomilc}, una riflessione e un lavoro di ricerca in progress strutturato qui in un quaderno d’artista e in una videoinstallazione con interviste audio e immagini d’archivio di quei luoghi raccapriccianti che in Italia erano i manicomi. Si prosegue con le installazioni site specific di Niccolò De Napoli, eleganti dichiarazioni di battaglia all’ovvietà degli oggetti e/o materiali quotidiani e delle leggi fisiche: ironiche e irriverenti al punto giusto, congelando l’istante preciso in cui le forze si incastrano e si quietano. Il percorso si chiude – per poi ricominciare a ritroso – nella sala dei Plutino2, dove invece si incastrano i tasselli di due personalità gemelle come mattoncini di un unico Dna.

Valentina Tebala

Cosenza // fino al 2 luglio 2016
Piani Inclinati. Fabbrica contemporanea
a cura di Melissa Acquesta, Gemma-Anais Principe, Roberto Sottile
GALLERIA NAZIONALE – PALAZZO ARNONE
Via Gian Vincenzo Gravina
0984 795639
www.articalabria.it

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/54389/piani-inclinati-fabbrica-contemporanea/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tebala
Valentina Tebala è critica e curatrice indipendente d’arte contemporanea. Laureata in Storia dell’Arte a Bologna con una tesi di ricerca in Teorie e Pratiche della Fotografia, ha frequentato il Corso per curatori della School for Curatorial Studies di Venezia e attualmente studia presso la Scuola di Specializzazione in Beni Storico-Artistici di Bologna. Ha ideato e collaborato all’organizzazione e la curatela di mostre, progetti artistici ed editoriali presso spazi pubblici e privati in Italia, focalizzando maggiormente il suo lavoro e la sua ricerca in Calabria, dove vive. Ha realizzato contribuiti critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte; scrive per la rivista trimestrale d’arte contemporanea Smallzine e per Artribune. Fa parte dell’associazione non profit CatArTica Care – composta da artisti, musicisti, curatori e critici d’arte –, nata in provincia di Reggio Calabria per la promozione della cultura e delle arti contemporanee in dialogo costante con il territorio d’appartenenza e oltre i suoi confini.