Buchi neri e infiniti spazi. Marco Tirelli a Roma

Pastificio Cerere, Roma – fino al 22 luglio 2016. Per celebrare i primi dieci anni della Fondazione Pastificio Cerere, il direttore artistico, Marcello Smarrelli, ha curato un ciclo di personali dedicate ai protagonisti della Scuola di San Lorenzo, coloro che resero celebre il Pastificio negli Anni Ottanta. Dopo le personali di Dessì, Gallo, Ceccobelli, Pizzi Cannella e la collettiva ideata da Nunzio, è la volta di Marco Tirelli.

Marco Tirelli – installation view at Fondazione Pastificio Cerere, Roma 2016 – photo credit Mario Martignetti
Marco Tirelli – installation view at Fondazione Pastificio Cerere, Roma 2016 – photo credit Mario Martignetti

LA VISIONE E I SUOI ENIGMI
Il lato oscuro del visibile. Il piano nascosto, la soglia opaca: quella finestra ideale che tiene il reale sospeso, a un passo dall’assoluto. Marco Tirelli (Roma, 1956), col suo catalogo di forme esatte eppure instabili, indaga da sempre l’enigma della visione, laddove esso confina con la questione ontologica, col mistero dell’essere e della sostanza.
Una sintassi severa articola geometrie perenni, tra modulazioni di bianchi, neri, grigi, rosa tenui.  E ogni cosa sfuma, mentre viene e si impone all’occhio, stimolando – nelle superfici aeree, nei contorni pulviscolari – un esercizio lento dello sguardo. Mettere a fuoco, afferrare ciò che si dà e insieme si sottrae. E al contempo comprendere la propria posizione: al di qua della forma concreta, dinanzi. Ma non evitando di spingersi oltre, se è vero che ogni forma è un varco, un limite che svela un’idea di infinito.
Ed è impossibile non domandarsi cosa ci sia al di là di quei grandi cerchi, allestiti nella sala principale della Fondazione Pastifico Cerere, per l’ultima mostra del ciclo sui big della Scuola di San Lorenzo, a cura di Marcello Smarrelli. Un allestimento serrato inghiotte il bianco delle pareti con cinque corpi scuri, sovradimensionati rispetto allo spazio. Ma non è un errore di calcolo, anzi. Trasformandosi in magneti, in nuclei di energia viva, i buchi neri sembrano spingere verso il centro e ingigantirsi, sdoppiandosi persino nel riflesso sul pavimento lucido. Quasi il tentativo di farlo implodere, lo spazio, di far avanzare il nero finché tutto precipiti in un’altra dimensione.

Marco Tirelli – installation view at Fondazione Pastificio Cerere, Roma 2016 – photo credit Mario Martignetti
Marco Tirelli – installation view at Fondazione Pastificio Cerere, Roma 2016 – photo credit Mario Martignetti

AL CONFINE DELL’IMMAGINE
A mettere in vibrazione i dischi sono piccole astrazioni grafiche o tridimensionali: affiorate in superficie, giunte da quell’altrove. Testimonianze dell’originario inverarsi dell’immagine, quando proprio l’immagine, per incanto o per iperbole, diventa cosa, materia, entità spaziale. Il confine tra pittura, disegno e scultura, in tal senso, è sempre stato sottilissimo per Tirelli. Ben ancorato a suggestioni poetiche e filosofiche.
Assomiglia invece al gabinetto di un progettista la prima stanza: anche qui si gioca sulla saturazione, con una sequenza fitta di disegni; e anche qui si resta, religiosamente, nel mood meditativo del bianco e nero. Ancora geometrie – linee sghembe, cerchi, diagonali – che però si agganciano al quotidiano. E sono scorci urbani, interni domestici, tavoli, soffitti, facciate. Lavori raffinatissimi e asciutti, avvolti da un calore che stavolta è tutto intimo, umano. Nel punto in cui il rigore incontra l’emozione e l’essenza si rivela a livello della traccia, dell’oggetto comune. Tra caducità e imperfezione.

Helga Marsala

Roma // fino al 22 luglio 2016
Marco Tirelli – Per i dieci anni della Fondazione Pastificio Cerere
a cura di Marcello Smarrelli
FONDAZIONE PASTIFICIO CERERE
Via degli Ausoni 7
06 45422960
[email protected]
www.pastificiocerere.it

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/53135/marco-tirelli-per-i-dieci-anni-della-fondazione-pastificio-cerere/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 lavora come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.