Visioni urbane contemporanee. Kipras Dubauskas a Roma

Ex Elettrofonica, Roma – fino al 30 giugno 2016. Nell’ambito del progetto “Spaces/Non Spaces” è allestita la prima personale del giovane artista lituano Kipras Dubauskas, che compone la propria visione di città. Evocando le aree suburbane come luoghi da cui emergono questioni sociali ancora irrisolte.

Kipras Dubauskas – Take as Much as You Can Carry - installation view at Ex Elettrofonica, Roma 2016
Kipras Dubauskas – Take as Much as You Can Carry - installation view at Ex Elettrofonica, Roma 2016

Un grande tubo arancione unisce l‘interno e l’esterno della galleria romana, collegando idealmente le zone periferiche di Vilnius, città d’origine di Kipras Dubauskas, classe 1988, e Cracovia, le cui immagini silenziose e cupe scorrono nel film che dà il titolo alla mostra, Take as Much as You Can Carry, con la città di Roma. Anche le canne di bambù sono un rimando dell’artista all’ambiente fluviale caratteristico dei suoi luoghi natali, oltre a suggerire un senso di precarietà. All’esterno della galleria trova posto un motorino con targa lituana, le cui parti principali saranno portate via, nel corso dell’esposizione, da una persona appartenente a una minoranza etnica in cambio di un certificato di autenticità fornito dall’artista: lo scambio dei beni, infatti, rappresenta uno degli strumenti per creare relazioni umane ed è qui utilizzato da Dubauskas quale modalità per entrare in contatto con la metropoli che lo accoglie.

Francesca Colaiocco

Roma // fino al 30 giugno 2016
Kipras Dubauskas – Take as Much as You Can Carry
a cura di Benedetta Carpi De Resmini
EX ELETTROFONICA

Vicolo Sant’Onofrio 10-11
06 64760163

[email protected]
www.exelettrofonica.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/53663/kipras-dubauskas-take-as-much-as-you-can-carry/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesca Colaiocco
Nasce nel 1981 a Roma, dove ha sempre vissuto. Si laurea in Scienze della Comunicazione, indirizzo giornalismo, con una tesi sull’etica della comunicazione dal titolo “Violenza in televisione: tra libertà d’espressione e responsabilità”. Nel 2008 diventa giornalista pubblicista. Collabora con alcuni uffici stampa per l’organizzazione di eventi (culturali e non) e con diverse testate giornalistiche, tra cui il quotidiano “Il Giornale” e le riviste locali “Roma Live”, “Eur Torrino News” e “Voci in Movimento”. Il suo amore per la scrittura ha origine fin dai tempi della scuola: per lei ogni scusa è buona per prendere in mano un foglio di carta e una penna. Attualmente coltiva l’attività giornalistica come passione, coniugandola con l’interesse per l’arte, la fotografia e i viaggi.