Ironia e tradizione. Ruben Montini a Cagliari

Galleria Macca, Cagliari – fino al 24 maggio 2016. La dimensione intima della pratica del cucito e del ricamo, proveniente dalla tradizione sarda, diventa un mezzo per svelare i cliché legati al lavoro manuale femminile. In una mostra ironica e profonda.

Ruben Montini, This is all I have to offer – documentazione fotografica dell’inaugurazione presso la Galleria Macca, Cagliari 2016 - photo Ela Bialkowska – courtesy dell’artista
Ruben Montini, This is all I have to offer – documentazione fotografica dell’inaugurazione presso la Galleria Macca, Cagliari 2016 - photo Ela Bialkowska – courtesy dell’artista

L’ULTIMO ATTO DI UN’OPERA
È dall’ironico ritratto che lo vede giocare alla principessa che prende avvio l’ultimo progetto di Ruben Montini (Oristano, 1986), che chiude il cerchio su La vestizione della Sposa, con l’obiettivo di mettere in scena l’aspetto meno conosciuto della sua pratica artistica: l’esperienza manuale coniugata all’attività performativa. Perciò si è cimentato personalmente nella realizzazione di ogni singola opera, che in genere affida alle sapienti mani di professionisti. Dalle maglie indossate dai quattro ragazzi che accolgono il pubblico offrendo da bere, impreziosite dalle parole splendida, favolosa, fantastica, stupenda, alla corona in rame indossata dagli stessi per mettersi in bella mostra e lasciarsi fotografare, dal momento che anche in questa occasione è chiamato in causa l’intervento del pubblico, per una fruizione dell’opera più intima e diretta.

Ruben Montini, This is all I have to offer – documentazione fotografica dell’inaugurazione presso la Galleria Macca, Cagliari 2016 - photo Ela Bialkowska – courtesy dell’artista
Ruben Montini, This is all I have to offer – documentazione fotografica dell’inaugurazione presso la Galleria Macca, Cagliari 2016 – photo Ela Bialkowska – courtesy dell’artista

RIVEDERE LA TRADIZIONE
Fino ad arrivare a quello che a prima vista appare un arazzo proveniente dalla tradizione sarda ma che ad uno sguardo più attento si rivela un assemblaggio di ritagli di broccato che emulano i motivi della tessitura isolana. Restituisce la stessa sensazione straniante, ma allo stesso tempo poetica, il tessuto apparentemente ricamato con motivi floreali geometrici e figure di animali, come la pavoncella e i cavallini che a loro volta provengono dalla tradizione scultorea bizantina. Per poi lentamente scoprire, girandoci intorno, che è il retro del tessuto a farla da protagonista, con quel tripudio di fili colorati che si liberano dalla costrizione del ricamo, assumendo vita propria. Gli stessi fili che tengono la corona del ritratto sospesa al soffitto, paradossalmente realizzata con ritagli di stoffa. Questo è tutto ciò che l’artista ha voluto offrire. E non pare poco.

Roberta Vanali

Cagliari // fino al 24 maggio 2016
Ruben Montini – This is all I have to offer
MACCA
Via Lamarmora 136
329 5403007
[email protected]
www.galleriamacca.com

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/53127/ruben-montini-this-is-all-i-have-to-offer/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Vanali
Roberta Vanali è critica e curatrice d’arte contemporanea. Ha studiato Lettere Moderne con indirizzo Artistico all’Università di Cagliari. Per undici anni è stata Redattrice Capo per la rivista Exibart e dalla sua fondazione collabora con Artribune, per la quale cura due rubriche: Laboratorio Illustratori e Opera Prima. Per il portale Sardegna Soprattutto cura, invece, la rubrica Studio d’Artista. Orientata alla promozione della giovane arte con una tendenza ultima a sviluppare ambiti come illustrazione e street art, ha scritto oltre 500 articoli e curato circa 150 mostre per gallerie, musei, centri comunali e indipendenti. Tra le ultime: la doppia mostra di Carol Rama in Sardegna, L’illustrazione contemporanea in Sardegna, Archival Print. I fotografi della Magnum. Nel 2006 ha diretto la Galleria Studio 20 a Cagliari. Ha ideato e curato la galleria online Little Room Gallery (2010-13). Ha co-curato le mostre del Museo MACC (2015-17), per il quale nel 2018 è stata curatrice. Ha scritto saggi e testi critici per numerosi cataloghi e pubblicazioni. Il cinema è l’altra sua grande passione.