La Vestizione della Sposa. Immagini e video dell’intensa performance di Ruben Montini a Cagliari: nel segno di Gina Pane

Print pagePDF pageEmail page

Ruben Montini, La Vestizione della Sposa, 2016, performance Galleria Macca, Cagliari (foto Ela Bialkowska, OKNOstudio, courtesy l'artista)

Ruben Montini, La Vestizione della Sposa, 2016, performance Galleria Macca, Cagliari (foto Ela Bialkowska, OKNOstudio, courtesy l’artista)

Prende le distanze da una connotazione teatrale della performance a favore di una rappresentazione della realtà senza filtri, il performer Ruben Montini (Oristano, 1986), per riappropriarsi della tradizione femminile e portarla all’eccesso attraverso la sofferenza e il sacrificio. Attingendo a performance storiche che prevedono l’utilizzo del corpo come strumento di comunicazione, tramite azioni semplici e quotidiane ma radicali, al di là della mera provocazione. Le stesse compiute nella prima performance in terra sarda dall’artista che, in un silenzio quasi sacrale, non privo di momenti di profonda emozione, ha dato luogo all’antico rito della vestizione della sposa con abiti tradizionali, offrendo il suo corpo che diviene territorio sociale e di conseguenza emblema: “Se apro il mio corpo affinché voi possiate guardarci il mio sangue, è per amore vostro: l’altro”, scriveva Gina Pane nel 1974.

Ed è proprio il sangue a farla da protagonista alla Galleria Macca dopo la foratura dei lobi – momento in cui il pathos ha raggiunto il culmine -, quel sangue che è lentamente affluito per tutta la rappresentazione e che ha lasciato segni indelebili sugli abiti ricamati e sugli orecchini di filigrana. Si è poi abbandonato alle attenzioni e alle cure della sarta e delle sue assistenti, alle loro frasi bisbigliate all’orecchio e ai famigliari che lo circondavano mentre fuori, come da tradizione, gli uomini attendevano con la prerogativa di poter sbirciare. Ruben Montini, che si affida ad altri per la riuscita dei suoi progetti che prevedono il coinvolgimento diretto del pubblico, è lo stesso che si è fatto tatuare la parola frocio annullandone il significato, che ha indossato il muncadore totalmente nudo cantando l’Ave Maria in sardo, che si è esibito col compagno – al Museo Ettore Fico di Torino – in una performance a dir poco estenuante quanto commovente, e pertanto ha dovuto attendere tempi maturi per darsi finalmente ai suoi conterranei nella performance forse più coinvolgente del suo percorso. Ne vediamo alcuni momenti nelle immagini e nel video…

Roberta Vanali

www.galleriamacca.com

 

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community