Il circolo vizioso di Lorenzo Vitturi. A Milano

Viasaterna, Milano – fino al 20 maggio 2016. Prima personale italiana per Lorenzo Vitturi. Ospite della galleria milanese con “Droste Effect, Debris and Other Problems”. Una riflessione tautologica sull’immagine.

Lorenzo Vitturi, Untitled. Twisted Caco And Green, 2013-15 – photo credit Lorenzo Vitturi – courtesy Viasaterna
Lorenzo Vitturi, Untitled. Twisted Caco And Green, 2013-15 – photo credit Lorenzo Vitturi – courtesy Viasaterna

Le opere di Lorenzo Vitturi (Venezia, 1980; vive a Londra) sono matrioske. Contengono innanzitutto loro stesse, i lavori della medesima serie, riferimenti e componenti di fotografie precedenti. Raccolgono i frammenti del paesaggio urbano in cui abita l’artista, gli scarti del quartiere multiculturale londinese di Dalston – già protagonista della precedente Dalston Anatomy –, al centro di un processo di gentrificazione che Vitturi vuole raccontare.
La sovrapposizione e l’accumulo della città vengono ricostruiti in accrocchi scultorei effimeri che diventano imperituri soltanto nelle fotografie, in cui ricorrono i singoli elementi, difficili da riconoscere. Gli oggetti sono, infatti, solo la prima fase del lavoro di trasformazione e stratificazione che l’artista mette in atto: dopo averli ritratti, ne stampa l’immagine e la rifotografa, ambientata in un nuovo set, in un procedimento potenzialmente infinito.

Marta Cereda

Milano // fino al 20 maggio 2016
Lorenzo Vitturi – Droste Effect, Debris and Other Problems
a cura di Fantom
VIASATERNA
Via Giacomo Leopardi 32
02 36725378
[email protected]
www.viasaterna.com

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/52604/lorenzo-vitturi-effetto-droste-detriti-e-altri-problemi/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marta Cereda
Marta Cereda (Busto Arsizio, 1986) è critica d’arte e curatrice. Dopo aver approfondito la gestione reticolare internazionale di musei regionali tra Stati Uniti e Francia, ha collaborato con musei, case d’asta e associazioni culturali milanesi. Dal 2011 scrive per Artribune.