Il terrore del subconscio. Frank e Mason a Roma

Galleria Marie-Laure Fleisch, Roma – fino al 25 giugno 2016. Estremamente interessante e riuscita è la doppia personale “Face to Face” delle americane Natalie Frank e Rachel Mason. Capaci di inscenare situazioni stranianti e grottesche, direttamente collegate al nostro subconscio. E intanto la galleria romana apre una sede a Bruxelles proprio in questi giorni, durante la fiera.

Rachel Mason, Sunken Chest, 2010 – still da video - courtesy Galleria Marie-Laure Fleisch and the artist
Rachel Mason, Sunken Chest, 2010 – still da video - courtesy Galleria Marie-Laure Fleisch and the artist

Guarda al détournement situazionista, al movimento Co.Br.A e al Surrealismo la doppia personale Face to Face alla Galleria Marie-Laure Fleisch. Ma c’è di più. Il duo americano Natalie Frank (Austin, 1980) e Rachel Mason (Los Angeles, 1978) complica il discorso, riprendendo – nel caso di Frank – i colori brillanti, le pennellate violente e le figure grottesche e distorte del gruppo Co.Br.A per combinarle a scenari surreali e terrificanti, come nella serie Superheroes o nelle illustrazioni realizzate per il libro dei fratelli Grimm. Lo sguardo della Mason, invece, è più indirizzato a problematiche attuali, quali l’ansia da relazione (l’ossessiva ballata Marry Me Mary), la disperazione (Sunken Chest) o lo sbeffeggiamento clownesco dei candidati alle presidenziali americane, tutti video in cui l’artista stessa recita il ruolo straniante e ipnotizzante di performer.

Francesca Castiglia

Roma // fino al 25 giugno 2016
Natalie Frank / Rachel Mason – Face to Face
MARIE-LAURE FLEISCH
Via di Pallacorda 15
06 68891936
[email protected]
www.galleriamlf.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/52836/natalie-frank-rachel-mason-face-to-face/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesca Castiglia
Francesca Castiglia è nata a Roma nel 1984. Ha studiato Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università La Sapienza di Roma, approfondendo, in particolare, il contesto artistico statunitense della seconda metà del Novecento. Ha trascorso un periodo di studi in Francia e a New York, perfezionando la sua formazione con un Master in Economia e Management dell’Arte e dei Beni Culturali presso la Business School de Il Sole 24 Ore. Ha collaborato con diverse gallerie e fondazioni d’arte contemporanea capitoline (Valentina Bonomo, Nomas Foundation, Whitecubealpigneto), musei (Palazzo delle Esposizioni, Scuderie del Quirinale, Mercati di Traiano-Museo dei Fori Imperiali, Macro). Si è occupata, presso la Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco, di tematiche relative al Patrimonio Culturale Immateriale, collaborando inoltre con il Ministero degli Affari Esteri nell’ambito della Presidenza Italiana del Consiglio dell’Unione Europea.