Una dimora in campagna, la polvere e cinque artisti

Dopo anni, riapre una affascinante casa di campagna sulle colline torinesi. L’iniziativa parte da Cfr. artecontemporanea, e nelle stanze ci finiscono cinque artisti. Al capo opposto del white cube, fino al 7 ottobre.

Per le antiche stanze - Andezeno 2012

Passeggiando Per le antiche stanze, la mostra allestita da Cfr. artecontemporanea ad Andezeno, è impossibile non chiedersi dove il contenitore ceda il passo al contenuto. Gli ambienti di un’antica dimora chiusa da decenni dialogano con le opere di cinque artisti, selezionate dai curatori Carlotta Romano e Luca Terzolo per integrarsi con l’atmosfera sospesa di una casa che il tempo ha consumato ma non travolto.
Così può capitare di imbattersi nelle fotografie di Maura Banfo che riprendono particolari della casa stessa per poi approdare nella cucina popolata dagli animali da cortile tratteggiati con estrema efficacia da Gosia Turzeniecka. Non da meno il primo piano, dove le vacue figure di Enrico Tealdi sembrano appartenere da sempre a quelle pareti. Di forte impatto emotivo i grandi ritratti fiammingo-pop di Alberto Castelli, mentre i paesaggi onirici di Andrea Massaioli dominano una stanza da letto in blu aperta sulle colline chieresi.

Paolo Patrito

Andezeno // fino al 7 ottobre 2012
Per le antiche stanze
a cura di Carlotta Romano e Luca Terzolo
ANTICA CASA
Via Roma 27
333 9630955 / 3298089640
[email protected]
www.cfrartecontemporanea.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Paolo Patrito
Paolo Patrito è un giornalista e fotografo, dal 1998 iscritto all’Ordine come pubblicista. Quando non è in viaggio, vive e lavora a Torino. Inizia a fotografare da ragazzino i viaggi di famiglia attraverso le lenti di una vecchia fotocamera Zeiss. Al lavoro con le immagini affianca presto la scrittura, formandosi collaborando con diversi periodici locali, tra cui il settimanale “La Voce del Popolo”, fucina torinese di giovani giornalisti. Nello stesso periodo, matura esperienza nel campo della comunicazione d’impresa e delle pubbliche relazioni. Oggi lavora come freelance, intendendo testi e immagini come strumenti differenti che si affiancano nel tessere la trama del racconto. Si occupa prevalentemente di lifestyle, food, viaggi, arte, cultura, eventi con frequenti divagazioni nel reportage di carattere sociale. Collabora continuativamente con magazine e siti web italiani e stranieri.