È questione di numeri

“Perfect Number” traghetta Sponge Arte Contemporanea dalla “vecchia” alla “nuova” stagione espositiva. La mostra presenta il lavoro di nove curatori e altrettanti artisti che per l’occasione hanno creato differenti progetti site specific. Fino al 19 settembre sulle colline marchigiane.

Kazou Ohno per Perfect Number - Sponge Arte Contemporanea, Pergola


Nove artisti più nove curatori uguale nove project room e nove mostre personali. Non stiamo dando i numeri ma presentando l’ultima mostra a Casa Sponge, sulle colline marchigiane della provincia di Pesaro-Urbino. Il progetto, giunto alla terza edizione, raccoglie il senso della stagione espositiva dal titolo Where is your brother?, con mostre tutte dedicate alle artiste che finalmente trovano, con l’esposizione finale, i loro “fratelli ideali”. Il binomio curatore-artista che lavorano in simbiosi senza un’apparente divisione dei ruoli funziona e da vita a micro-personali disseminate nelle stanze della home gallery. Perfect Number è una mostra eterogena che racchiude il senso dell’attività di Sponge, amplificandone il significato ultimo di comunicare tramite il linguaggio visivo contemporaneo grazie anche al video emozionante di Kazou Ohno e la creazione della decima stanza, dove l’interno e l’esterno del giardino si fondono proseguendo il percorso.

Federica Mariani

Pergola // fino al 19 settembre 2012
Perfect Number
Gianluigi Antonelli, a cura di Daniele De Angelis
Bianconirico, a cura di Francesco Sala
Luca Caimmi, a cura di Viviana Siviero
Claudio Cavallaro, a cura di Carolina Lio
Matia Chincarini, a cura di Flavia Fiocchi
Massimo Festi, a cura di Solidea Ruggiero
Karelei, a cura di Roberta Donato
Dante Maffei, a cura di Alice Zannoni
Kazuo Ohno, a cura di Claudio Composti/Toshio Mizohata/Jack Fisher
SPONGE ARTE CONTEMPORANEA
339 4918011
[email protected]
www.spongeartecontemporanea.net

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federica Mariani
Classe 1982, Federica Mariani ha due lauree magistrali, una in storia delle arti e l’altra in economia delle arti conseguite presso l’Università Ca' Foscari di Venezia e ha collaborato per alcuni progetti con la Biennale di Venezia. Ha frequentato il Master Internazionale in Management dei Beni e delle Attività Culturali alla European School of Management di Parigi, sempre nella capitale francese ha lavorato per il centro d’arte digitale Le Cube e la Galleria Alberta Pane. Dal 2012 al 2019 ha lavorato per la Fondazione Marche Cultura come social media specialist. Si è occupata spesso di Street Art e ha collaborato con PopUp! Festival. Attualmente vive ad Anversa e lavora presso il Museum Hof van Busleyden di Mechelen. È giornalista dal 2006, scrive articoli sul mondo dell’arte contemporanea e realizza interviste a livello internazionale.