Ex Libris

Selezionati tra 1934 illustrati, i volumi in mostra sotto teca scandiscono la produzione incisoria tra XV e XVI secolo in Italia e Nordeuropa. Dal Fondo della Biblioteca Universitaria di Cagliari, 31 esemplari tra record, cinquecentine, incunaboli e argomenti. Fino al 15 maggio.

Leon Battista Alberti - L’architettura - frontespizio, xilografia - Firenze, 1550

Il più antico è il Fasciculum temporum, il più ricco di illustrazioni il Liber chronicarum, il più piccolo la Calandra, mentre il più raro per le xilografie a colori è da ricercarsi nella Biblicae Historiae e il più prestigioso per firma nella Biblia ad vetustissima exemplaria di Mario Cartaro. Parliamo dei record che, insieme a incunaboli, cinquecentine e argomenti, vanno a costituire una selezione di 31 esemplari che offre un ricco apparato iconografico volto alla conoscenza della sperimentazione calcografica tra il XV e il XVI secolo in Italia e oltralpe.
Qualche argomento? Giovan Battista Della Porta analizza le corrispondenze tra la fisionomia umana e quella animale in Fisiognomica; Bartolomeo Zanni traduce il Dante Historiado e Cosimo Bartoli la prima edizione a stampa de L’Architettura di Leon Battista Alberti. Da sottolineare Aesopus, tra le cinquecentine per la disarmante contemporaneità delle xilografie, e il Quadragesimale, uno dei più importanti illustrati apparsi a Basilea dopo il passaggio di Dürer, tra gli incunaboli.

Roberta Vanali

Cagliari // fino al 15 maggio 2012
Preziose Immagini
a cura di Giorgia Atzeni e Barbara Cadeddu
BIBLIOTECA UNIVERSITARIA – CAPPELLA TRIDENTINA
Via Università 32a
070 661021
[email protected]

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Vanali
Roberta Vanali è critica e curatrice d’arte contemporanea. Ha studiato Lettere Moderne con indirizzo Artistico all’Università di Cagliari. Per undici anni è stata Redattrice Capo per la rivista Exibart e dalla sua fondazione collabora con Artribune, per la quale cura due rubriche: Laboratorio Illustratori e Opera Prima. Per il portale Sardegna Soprattutto cura, invece, la rubrica Studio d’Artista. Orientata alla promozione della giovane arte con una tendenza ultima a sviluppare ambiti come illustrazione e street art, ha scritto oltre 500 articoli e curato circa 150 mostre per gallerie, musei, centri comunali e indipendenti. Tra le ultime: la doppia mostra di Carol Rama in Sardegna, L’illustrazione contemporanea in Sardegna, Archival Print. I fotografi della Magnum. Nel 2006 ha diretto la Galleria Studio 20 a Cagliari. Ha ideato e curato la galleria online Little Room Gallery (2010-13). Ha co-curato le mostre del Museo MACC (2015-17), per il quale nel 2018 è stata curatrice. Ha scritto saggi e testi critici per numerosi cataloghi e pubblicazioni. Il cinema è l’altra sua grande passione.