A un passo dal baratro, con Ben

Stanno alle pareti dell’Associazione Mara Coccia di Roma fino al 16 luglio. Sono le celeberrime scritte di Ben Vautier, vergate con quella calligrafia infantile che è la sua cifra. Il grado zero della pittura, anzi dell’arte.

Ben Vautier - La libertà non esiste - veduta della mostra presso l’Associazione Mara Coccia, Roma 2011

In quell’opera, la scritta ‘ego’ campeggia vergine e vittoriosa su uno sfondo nero assoluto: che sospiro di sollievo. Ben Vautier (Napoli, 1935; vive a Nizza) traccia la linea dello strapiombo; oltre, c’è il buio dell’incomunicabilità, l’arte negli occhi. Vautier usa lo stretto indispensabile. Al di là di ogni compiacimento estetico, la prima forma di scrittura – tonda e infantile – è il grado zero della comunicazione, e la tela, in quanto oggetto, è consolazione borghese.

Consumato lo shock duchampiano, l’artista dell’Ecole de Nice torna a comunicare l’incomunicabile. La parola, affidata a testamento acrilico sulla tela, è pensiero rettilineo, lapidario; oltre il valore sfiancato dei simboli è il segno di un ego ridondante, fallico, smisurato e universale, è proiezione culturale – ovvero coloniale – allo stato puro. È l’incomprensibile e costante contraddizione della vita.

Luca Labanca

Roma // fino al 16 luglio 2011
Ben Vautier – La libertà non esiste
www.maracoccia.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Luca Labanca
Luca Labanca si muove nel 2006 da Varese a Bologna per iniziare il percorso di studi del DAMS, curriculum Arte. Negli anni di residenza bolognese collabora stabilmente col bimestrale d’arte e cultura ART Journal, contemporaneamente idea e sviluppa progetti ed eventi di contaminazione culturale tra il Lago Maggiore e Lugano assieme allo scrittore e musicista Tibe. Nel 2010 ottiene la laurea con la tesi Fiat Lux sviluppata al fianco della docente in Semiotica dell’Arte, Prof.ssa Lucia Corrain. Nell’ottobre dello stesso anno si trasferisce a Roma per intraprendere il percorso magistrale in Studi storico artistici dell’Università la Sapienza, fin dai suoi esordi partecipa al progetto editoriale Artribune.