Tutti gli appartamenti di New York in vendita nel progetto web di Sam Lavigne e Tega Brain

Tre milioni e mezzo di metri quadrati, 65mila camere da letto e 55mila bagni. Un mega appartamento viene in messo in vendita da due artisti sul sito del Whitney Museum di New York, mettendo assieme i dati di tutti gli annunci immobiliari della città

Sam Lavigne, Tega Brain, New York Apartment 2020 courtesy of The Whitney Museum of American Art 1
Sam Lavigne, Tega Brain, New York Apartment 2020 courtesy of The Whitney Museum of American Art 1

Il Whitney di New York è stato uno dei primi musei a scommettere sulla net art, lanciando, nel lontano 2001, il portale Artport, un sito interamente dedicato ai progetti d’artista online, commissionati per l’occasione. Guidata dalla curatrice Christiane Paul, è anche una delle iniziative più longeve, avendo portato avanti senza interruzioni la sua attività fino a oggi. L’ultima opera lanciata, in ordine di tempo, si chiama New York Apartment ed è firmata da Sam Lavigne e Tega Brain. I due artisti hanno raccolto tutti gli annunci di appartamenti in vendita a New York City e li hanno riuniti in un’unica, gigantesca unità immobiliare. Il risultato, surreale e molto evocativo, consiste in una pagina web in cui si può visionare un appartamento immaginario grande circa 3 milioni e mezzo di metri quadrati, con 65.764 camere da letto e 55.588 bagni. Il tutto, in vendita per la stratosferica cifra di 43.869,676,331 dollari.

Realizzato usando dati reali (che vengono settimanalmente aggiornati), il progetto rappresenta un fedele ritratto del mercato immobiliare della Grande Mela, con tutte le sue diversità di prezzo, tipologie architettoniche e stili di arredamento. Il mega-appartamento, grande come una città, è esplorabile in tutta la sua estensione tramite un tour virtuale in 3D, una serie di video, numerose gallery che contengono migliaia di immagini e naturalmente descrizioni di lunghezza imprecisata. Per chi fosse interessato, ci sono persino i contatti di proprietari e agenti immobiliari…

– Valentina Tanni

https://whitney.org/artport-commissions/new-york-apartment

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell'arte, curatrice e docente. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba. Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. La sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e nuove tecnologie, con particolare attenzione alle culture del web. Nel 2001 ha fondato Random Magazine, uno dei primi magazine online dedicati alla Net Art, ed è tra i membri fondatori delle riviste d’arte contemporanea Exibart e Artribune. Ha curato numerose mostre in musei e gallerie, tra cui “Netizens”, “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati”, “Maps and Legends. When Photography Met the Web”, “Eternal September” e “Stop an Go. The Art of Animated Gifs”. È stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” e ha lavorato come docente per numerose istituzioni pubbliche e private (Università di Roma La Sapienza, LUISS, Istituto Europeo di Design, Fondazione Moderna Arti Visive).