Dopo e oltre Internet. 5 progetti d’artista

Sono sempre di più gli artisti che utilizzano le potenzialità della Rete per dare forma alle proprie opere. Mettendo in luce anche i limiti di Internet e delle nuove tecnologie.

1. 2014 ‒ AMALIA ULMAN ‒ EXCELLENCES & PERFECTION

Un post su Instagram di Amalia Ulman datato settembre 2014

Per cinque mesi l’artista ha usato gli account social per mettere in scena una performance incentrata sul complesso tema della costruzione e rappresentazione della propria immagine online. Ha creato e documentato un lifestyle a uso e consumo dei propri follower, postando selfie in luoghi di lusso, una dieta da seguire rigorosamente e la documentazione di un finto intervento di mastoplastica.

https://webenact.rhizome.org/excellences-and-perfections/

2. 2014-16 ‒ MEDIENGRUPPE BITNICK ‒ RANDOM DARKNET SHOPPER

Mediengruppe Bitnik, Illegal goods bought by Random Darknet Shopper exhibited at Kunst Halle St. Gallen, 2015

Un bot programmato per fare acquisti sul deepweb sceglie in modo random tra numerosissimi beni disponibili, per farseli spedire presso la sede della mostra. Attraverso gli oggetti acquistati ‒ a volte semplicemente bizzarri, altre volte illegali ‒ l’opera restituisce un affresco del mercato nero online e pone la spinosa questione della responsabilità legale di azioni compiute da una macchina.

http://wwwwwwwwwwwwwwwwwwwwww.bitnik.org/r/

3. 2017 ‒ JOANA MOLL ‒ THE DATING BROKERS

Screenshot di un’asta parte del progetto The Dating Brokers (2017) di Joana Moll

Un sito web che mostra i dati sensibili di un milione di utenti di siti di incontri, regolarmente acquistati dall’artista. Si trovano username, email, genere, ma anche orientamento sessuale, interessi, professione. Scopo del progetto è aumentare la consapevolezza sulle informazioni che forniamo online e di come queste possano essere utilizzate al di fuori del nostro controllo.

https://datadating.tacticaltech.org/

4. 2018–IN CORSO ‒ EVAN ROTH ‒ RED LINES

Screenshot della sezione mappa del progetto Red Lines (2018) di Evan Roth

Un network sul quale vengono condivisi video a infrarossi di paesaggi costieri, fruibili in streaming da chiunque, ovunque ci si trovi. Settanta video sono conservati in server che si trovano negli stessi luoghi in essi ritratti. Nel momento in cui vengono visualizzati su un monitor, una mappa restituisce il tragitto fisico percorso dal file, dal server di partenza fino al nostro terminale.

http://redlines.network/

5. 2019 ‒ TREVOR PAGLEN ‒ IMAGENET ROULETTE

Osservatorio Fondazione Prada – Training Humans, Kate Crawford e Trevor Paglen

Un progetto incentrato sull’intelligenza artificiale, il riconoscimento facciale e i pregiudizi trasmessi alle macchine durante le fasi del loro addestramento. Un sistema di machine learning riconosce ed etichetta i volti degli spettatori-utenti. Il risultato rende evidente quanto sia pericoloso delegare alle macchine la classificazione di esseri umani, e quanto dannosi possano essere gli effetti.

https://imagenet-roulette.paglen.com/

‒ Matteo Cremonesi

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #52

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua 
inserzione sul prossimo Artribune

Dati correlati
AutoriAmalia Ulman, Evan Roth, Trevor Paglen
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Matteo Cremonesi
Matteo Cremonesi (Brescia, 1984) si occupa di arte e nuovi media, interessandosi in particolar modo delle implicazioni sociali e politiche che le nuove tecnologie producono nel mondo contemporaneo. E' docente di “Cibernetica e teorie dell'informazione” presso l'Accademia di Brera e collabora attivamente con il Link Center For the Arts of the Information Age in qualità di coordinatore del settore educativo. E' membro del collettivo artistico IOCOSE con il quale ha presentato i propri lavori in diverse sedi nazionali e internazionali. Nato nel 2006, il gruppo organizza azioni liminali volte a sovvertire le ideologie, le pratiche e i processi di identificazione e costruzione del significato, concependo le strade, Internet e il passaparola come terreni di battaglia.