Emporio Armani compie 40 anni. Una mostra a Milano ripercorre la storia del brand

A curare la mostra è Giorgio Armani, che nel 1981 dava vita a una linea di abbigliamento più accessibile e versatile. 40 anni di sperimentazioni e successi, raccontati all’Armani/Silos, l’headquarter dello stilista in Via Bergognone

Armani Silos, THE WAY WE ARE - Courtesy of Giorgio Armani
Armani Silos, THE WAY WE ARE - Courtesy of Giorgio Armani

Festeggia il suo quarantesimo compleanno Emporio Armani, linea lanciata nel 1981 da Giorgio Armani, stilista italiano tra i più influenti al mondo. Una collezione versatile, contemporanea, “democratica”, nata “in anticipo sui tempi”, come spiega Re Giorgio. “Ho immaginato Emporio Armani come una linea con cui sperimentare, catturando le nuove tendenze e proponendo una moda democratica, un contenitore nel quale ciascuno può trovare qualcosa e farlo proprio, interpretandolo in modo personale. Oggi rappresenta la declinazione trasversale e dinamica del mio concetto di stile e non ha perso lo spirito iniziale di individualità e aggregazione, di ricerca e libertà”. Una mostra, appena inaugurata a Milano all’Armani/Silos – l’headquarter dello stilista aperto in Via Bergognone nel 2015 – racconta e celebra Emporio Armani, e a curare l’esposizione non poteva che essere proprio lo stilista.

I 40 ANNI DI EMPORIO ARMANI. LA MOSTRA

Individualità, aggregazione, ricerca e libertà sono quindi i valori alla base del progetto Emporio Armani, “valori ai quali ho voluto dare risalto con questa mostra, perché da sempre Emporio è un marchio fortemente ancorato alla contemporaneità, che riflette l’energia e la vitalità delle metropoli, cogliendone il ritmo e proponendo un’esperienza fatta di abiti, accessori e idee”, continua Armani. THE WAY WE ARE, è questo il titolo della mostra visitabile fino al 6 febbraio 2022, racconta i 40 anni del brand attraverso abiti, oggetti, immagini e video, per un percorso espositivo che, lungo diverse sezioni (Icon Lei; Milano; Ero(t)ismo; Mood Board; Emporio Armani Magazine; Altrove; Icon Lui) immergono il pubblico nel mondo del brand, fatto di valori, idee, estetiche che sono diventate manifesto e icona della visione di Emporio Armani: “un Emporio non ha confini, di tempo e di spazio. Un Emporio è un recipiente, un’enciclopedia, un algoritmo. Un Emporio contiene tutto, per tutti, in ogni momento. Un Emporio non ha schemi. Emporio Armani è tutto questo, nel segno dell’aquila. È qui, adesso, subito, oggi, in ogni modo. È me, te, noi, voi, tutti uguali perché tutti diversi. Liberi. È concretezza e immaginazione. È EA”.

– Desirée Maida

Milano // fino al 6 febbraio 2022
THE WAY WE ARE
Armani/Silos
Via Bergognone 40
www.armanisilos.com

Eventi d'arte in corso a Milano

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.