Il Brooklyn Museum di New York dedica una grande retrospettiva a Christian Dior

La mostra che inaugurerà a settembre ripercorre gli oltre settant’anni di storia della maison, attraverso la visione e le opere del suo fondatore, Christian Dior, e dei successivi direttori artistici, da Yves Saint Laurent a Gianfranco Ferré, da John Galliano a Maria Grazia Chiuri

Dior Brooklyn
Dior Brooklyn

Fotografie, video, disegni e oltre 200 capi di haute couture sono gli elementi attraverso cui verranno narrati, dal 10 settembre 2021 al 20 febbraio 2022, settant’anni di storia e d’arte della maison Christian Dior (Granville, 1905 – Montecatini Terme, 1957), in una mostra al Brooklyn Museum di New York che ne celebra estro creativo e influenza sul mondo del costume e sugli stilisti delle successive generazioni. Christian Dior: Designer of Dreams è il titolo dell’esposizione, un progetto sviluppato da precedenti mostre che musei di tutto il mondo hanno dedicato al couturier: le retrospettive del 2017 al Musée des Arts Décoratifs di Parigi, del 2019 al Victoria and Albert Museum di Londra, e del 2020 al Long Museum West Bund a Shanghai.

Christian Dior su Vogue
Christian Dior su Vogue

DIOR ATTRAVERSO LA FOTOGRAFIA

Curata da Florence Müller, studiosa di Dior e Curator of Textile Art and Fashion della Fondazione Avenir (Denver Art Museum), in collaborazione con Matthew Yokobosky, Senior Curator of Fashion and Material Culture del Brooklyn Museum, l’esposizione presenta scatti di importanti fotografi americani, tra cui Lillian Bassman, Cass Bird, Henry Clarke, Louise Dahl-Wolfe, William Helburn, Horst P. Horst, William Klein, David LaChapelle, Annie Leibovitz, Frances McLaughlin-Gill, Gordon Parks, Irving Penn, Karen Radkai e Herb Ritts; in particolare, sarà presentata una fotografia diventata iconica, scattata da Richard Avedon, che immortala la modella Dovima – in abito da sera Dior – circondata da elefanti.

 

LA MOSTRA DI DIOR AL BROOKLYN MUSEUM

La mostra racconta la storia di Dior attraverso i direttori artistici che si sono succeduti alla sua guida – Yves Saint Laurent, Marc Bohan, Gianfranco Ferré, John Galliano, Raf Simons e Maria Grazia Chiuri – ognuno dei quali ha contribuito con la propria visione a dare nuova linfa alla maison. “Già nel 1947, con la sua celebre collezione ‘New Look’, Christian Dior ha affermato il suo nome su scala, internazionale, diventando un precursore della moda globalizzata contemporanea”, spiega Florence Müller. “L’apertura della prima filiale di New York, nel 1948, prelude a questa fama mondiale. Dopo la presentazione di ‘Christian Dior: Designer of Dreams’ a Parigi e Londra, la nuova mostra al Brooklyn Museum rende omaggio a questa avventura storica e unica nella moda iniziata tra Parigi e New York”.

– Desirée Maida

New York // dal 10 settembre 2021 al 20 febbraio 2022
Christian Dior: Designer of Dreams
Brooklyn Museum

www.brooklynmuseum.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.