I’M Isola Marras: presentata a AltaRoma la nuova linea che segna il debutto di Efisio Rocco Marras

Efisio Rocco Marras, figlio del designer Antonio, è il nuovo direttore creativo di “I’M Isola Marras”, la seconda linea del marchio di famiglia che con il debutto artistico della nuova generazione presenta la sua collezione estiva durante Altaroma e strizza l’occhio allo streetwear con tocchi underground. Senza dimenticare artigianalità, ricerca e tradizione sarda, da sempre cifra stilistica del brand Antonio Marras.

I'M Isola Marras, Ph. Lucilla Loiotile
I'M Isola Marras, Ph. Lucilla Loiotile

Nel nome del padre Antonio, Efisio Rocco Marras è il nuovo direttore creativo della linea contemporary di famiglia, “I’m Isola Marras”, spingendo la visione del brand verso nuovi orizzonti creativi. Ricontestualizzando e rinnovando quell’estetica ispirata alla tradizione sarda che ha il sapore dell’isola del Mediterraneo e che da sempre è stata il punto di riferimento della filosofia stilistica del marchio.

LA NUOVA GENERAZIONE

Un passaggio di consegne, un cambio di testimone generazionale di cui Antonio Marras è fiero. Padre e figlio si raccontano in un talk al premium department store Coin Excelsior a via Cola di Rienzo in occasione di Altaroma.“Sono molto felice della scelta di mio figlio”, ha dichiarato Marras senior ”abbiamo visioni del mondo molto diverse e io rispetto che la sua sia quella di una nuova generazione”. Efisio Rocco, classe 1992, è la mente artistica della linea accessibile del brand lanciata nel 2007 che ha debuttato durante la Milano Fashion Week con le collezioni uomo e donna spring-summer 2018.

I’M ISOLA MARRAS

La nuova I’M Isola Marras rappresenterà per i giovani uno spazio illimitato dove creatività e nuove idee si incontrano” spiega Marras junior che per la prossima primavera-estate si è lasciato ispirare dalla protagonista del film “Léon” di Luc Besson, Mathilda Lando, con il tocco manga di Masamune Shirow. La collezione menswear I’M Isola Marras nasce, invece, per la stagione autunno-inverno 17-18 con pochi pezzi che rafforzano l’attitudine contemporanea e decisa della seconda linea del marchio. Grunge e streetwear si mescolano all’underground, dettagli sui tessuti crudi tagliati senza rifiniture, jersey e cotoni trattati con la presenza costante del nastro logato. Poi le felpe. Pezzi unisex, come la canotta a costine, per una linea che non dimentica il comfort nella quotidianità.

UNA SFILATA-PERFORMANCE

Durante AltaRoma, negli spazi del Guido Reni District, la collezione estiva porta in scena, con un tableau vivant a metà strada tra performance e défilé, figure androgine caratterizzate da linee pulite e tagli netti, creazioni avanguardiste ma romantiche contaminate per gioco da innesti punk. Gli ornamenti e i particolari, la sovrapposizione dei tessuti e l’artigianalità restano la cifra stilistica riconoscibile della famiglia Marras anche con il cambio generazionale.Texture silver traforate, bomber e anfibi si accostano a camicie rigate, stampe flower power e preziosi damaschi. Accessori ed elementi must, che si ritrovano ad esempio nella scelta di tessuti di qualità per l’alta maglieria, continuano a firmare l’identità di casa Marras anche con l’avvento della nuova generazione che porta il nome del figlio (e del suo spirito creativo) al timone della linea giovane.

– Gustavo Marco P. Cipolla

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Gustavo Marco P. Cipolla
Classe 1984, calabrese di origini, romano di adozione, Gustavo Marco P. Cipolla è un cittadino del mondo. Ama viaggiare, quando gli è possibile, e confrontarsi con realtà e culture sempre differenti. Le sue esperienze formative e professionali sono diverse: dalla Laurea in Relazioni Internazionali ai Master in Marketing e Comunicazione degli Eventi artistici, culturali e dello spettacolo e in Comunicazione e Giornalismo di Moda. Collabora con alcune testate dove scrive, senza la pretesa di essere un critico, di moda, arte e cultura. È stato stagiaire nelle Organizzazioni Internazionali e ha svolto, e svolge, l’attività di press officer nel mondo della musica, nell’universo della moda e ha anche curato l’ufficio stampa di alcune compagnie teatrali indipendenti. Crede fermamente nel talento (degli altri) e sostiene che i giovani di oggi, grazie alle giuste opportunità, diventeranno gli adulti di domani.