Vederci chiaro. Brevetto italiano e packaging d’artista per un nuovo brand di occhiali “green”

Materiali ecocompatibili, responsabilità sociale d’impresa e un astuccio in cartone riciclato firmato dall’artista Ugo Rondinone. Focus su un nuovo brand di occhialeria che, dopo Basilea, ritroveremo in giro per le fiere del settore durante tutto il prossimo anno.

RVS Eyewear. Collezione One, All, Every. Packaging Ugo Rondinone
RVS Eyewear. Collezione One, All, Every. Packaging Ugo Rondinone

Spesso capita che, cambiando il proprio punto di vista, si inneschi una spirale virtuosa di eventi inaspettati. Un’operazione simile ci richiede, spesso, uno sforzo in più rispetto alla nostra personale visione della realtà. Se osservassimo fugacemente la nuova collezione ONE, ALL, EVERY di RVS Eyewear, brand nato a Istanbul nel 2006 dall’idea di Vidal Erkohen, ci troveremmo di fronte a una linea di occhiali dal design pulito, le lenti colorate in maniera accattivante in quattro versioni che rimandano ai quattro elementi, confezionati in un packaging in cartone riciclato studiato dall’artista svizzero Ugo Rondinone (l’Etere). La presentazione durante Design Miami, a Basilea, ci ha però fatto scoprire il virtuosismo della ricerca dietro al prodotto. I modelli unisex di occhiali sono interamente riciclabili, biodegradabili, realizzati con materiali non tossici ed ecosostenibili, come lo sono gli espositori che da giugno 2019 a giugno 2020 ospiteranno la collezione durante le altre presentazioni previste in occasione delle più importanti mostre internazionali di design. Scendendo nel dettaglio scopriamo, dunque, che la materia plastica trasparente della montatura è un brevetto italiano (Mazzucchelli): una resina derivata da cotone e fibre di legno che, adeguatamente trattate, danno vita alla bio-plastica M49. Le cerniere e gli intarsi sono in acciaio inossidabile interamente recuperabile, poiché trattato con una placcatura a ioni che ne preserva l’aspetto utilizzando un processo non tossico. Le stesse lenti abbandonano il comune policarbonato per tornare al vetro, nel caso specifico a un vetro minerale naturale prodotto in Giappone che garantisce al prodotto come dichiara il claim “See A Clean Future”, di vedere un futuro “pulito”.

RVS Eyewear. Collezione One, All, Every
RVS Eyewear. Collezione One, All, Every

I MODELLI

Rendere qualcosa all’ambiente, con un design così attento ai materiali, non può essere lasciato al caso. Il 25% dei ricavi generati da ogni paio di occhiali viene donato a iniziative fondate da una personalità scelta come madrina/padrino del modello: Terra è dedicato a Jane Goodall e all’omonimo Institute che a Gombe, in Tanzania, lavora per la salvaguardia degli animali; Fuoco rimanda a E.O. Wilson, biologo e naturalista al quale l’impegno con la sua Fondazione per la Biodiversità e le avanzatissime ricerche nel campo della “biofilia” hanno portato numerosi riconoscimenti dalla comunità scientifica, compresi due premi Pulitzer. Aria ha come madrina Wangari Maathai, fondatrice del Green Belt Movement e premio Nobel per la Pace per il suo impegno nei confronti dei diritti umani e della conservazione ambientale, in particolare per l’aiuto alle comunità keniote, e alle donne in primis, a sostenersi economicamente con il proprio lavoro. Acqua, infine, fa riferimento al lavoro della dottoressa Sylvia Earle, presidentessa della Mission Blue e di molte altre iniziative che hanno come nucleo fondante la preservazione dell’ecosistema marino e della ricerca e sviluppo di nuove tecnologie per accedere ai fondali profondi. Un esempio virtuoso di come la responsabilità sociale può trovare amplissimo sostegno se studiata con passione e cura del dettaglio.

Flavia Chiavaroli

https://rvseyewear.com/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Flavia ChiavarolI
Architetto, exhibition designer e critico freelance. Osservatrice attenta e grande appassionata di architettura ed arte moderna e contemporanea riporta la sua esperienza nell’organizzazione di workshop, collabora con artisti e fotografi e aggiornando i principali social network. Dal 2012 si occupa di progettazione di mostre ed eventi.