Al via la London Design Biennale. Tutti gli eventi da non perdere

Torna dal 4 al 23 settembre alla Somerset House, London Design Biennale, il format tutto dedicato al design esplicitamente ispirato alla Biennale di Venezia…

London Design Biennale ph credit Ed Reeve
London Design Biennale ph credit Ed Reeve

C’è anche un progetto curato da Joseph Grima, nuovo curatore per il settore Design, moda, artigianato della Triennale di Milano dopol’addio di Silvana Annicchiarico al Triennale Design Museum, nella seconda edizione della London Design Biennale che si terrà dal 4 al 23 settembre alla Somerset House. Il format, tutto incentrato sul design, si ispira esplicitamente alla Biennale Veneziana e punta a superare il successo della prima edizione…

LA LONDON DESIGN BIENNALE 2018

Per la sua seconda edizione la manifestazione coinvolge le istituzioni pubbliche e private di oltre 40 Paesi, invitati a partecipare con installazioni e progetti dedicati alle tematiche orbitanti intorno alla descrizione di “emotional states” intesi sia in maniera globale che locale. Ovviamente letti attraverso l’occhio allargato del design. Il tema di quest’anno fa riferimento ad una riflessione che parte dal Gallup Global Emotions Report 2017, un’indagine basata su 149 mila interviste in 142 Stati, che ha misurato sentimenti ed emozioni, valori di solito trascurati dagli indicatori economici tradizionali. Questo indice stabilisce che il Paraguay è il paese con le più alte esperienze emotive positive, e lo Yemen con il più basso. Il Regno Unito è posizionato al 38esimo posto, accanto a Mali, Sud Africa, Stati Uniti e Bolivia. La posizione in classifica della Gran Bretagna è legata al calo significativo, circa il 15%, di persone che valutano in maniera positiva la propria esistenza dopo Brexit. Si tratta del più grande calo nella storia dei sondaggi inglesi.

L’ITALIA

L’Italia parteciperà alla Biennale con un progetto dal titolo “L’Architettura degli Alberi”, una mostra/percorso composta da una selezione di 24 disegni tratti dalla ricerca ventennale “L’Architettura degli Alberi” di Cesare Leonardi e Franca Stagi. Il progetto sarà, per l’appunto, a cura di Joseph Grima, Andrea Cavani, Giulio Orsini,Veronica Bastaie dell’Archivio Architetto Cesare Leonardidi Modena. L’installazione che verrà presentata a Londra intende comunicare l’importanza della natura valorizzando il concetto di “restorative design” mettendo in luce un nuovo rapporto tra uomo/ambiente.

      Ginevra Bria

Londra // 4 – 23 settembre 2018
London Design Biennale
Strand, London WC2R 1LA, Regno Unito
Somerset House
http://www.londondesignbiennale.com

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Mariacristina Ferraioli
Mariacristina Ferraioli è giornalista, curatrice e critico d’arte. Dopo la laurea in Lettere Moderne con indirizzo Storia dell’Arte, si è trasferita a Parigi per seguire corsi di letteratura, filosofia e storia dell’arte presso la Sorbonne (Paris I e Paris 3). Ha conseguito il Master in Organizzazione e Comunicazione delle Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Ha vinto la Residenza per Curatori della Dena Foundation for Contemporary Art presso il Centre International d’Accueil et d’Echanges des Récollets di Parigi. Ha lavorato al Centre Pompidou collaborando alla realizzazione della mostra “Traces du Sacré” e ha pubblicato un testo critico sul catalogo della mostra. Ha coordinato l’ufficio Master dell’Accademia di Belle Arti di Brera e ha curato mostre sia in Italia che all’estero. Redattrice di Artribune, collabora stabilmente con Cosmopolitan Italia, Marie Claire Maison, Le Quotidien de l'Art. Ha conseguito un dottorato in Comunicazione e mercati: Economia, Marketing e Creatività presso l’Università Iulm di Milano, è docente a contratto presso diverse istituzioni e fa parte del team curatoriale di ArtLine, progetto d’arte pubblica del Comune di Milano nel parco di CityLife.