Osservatorio Salone del Mobile: le mostre da vedere a Milano

Tutte le mostre “pink” del Salone del Mobile di Milano. Ecco una selezione di appuntamenti da non perdere nella settimana più calda del design italiano.

La design week di Milano è l’occasione per approfondire le opere di architetti e designer del Novecento e per celebrare la figura femminile attraverso complementi d’arredo rigorosamente in rosa. Ecco una selezione delle mostre da visitare.

Giorgia Losio

1. MARIO GOTTARDI ARCHITETTO E DESIGNER

Mario Gottardi Architetto e Designer

Lo spazio IDEA4MI ospita la mostra omaggio all’opera di un architetto poco noto al grande pubblico eppure estremamente prolifico anche come interior designer. Un’occasione di riscoperta, dunque, per gettare luce sulla storia di un progettista che predilige il dominio della linea e che reinterpreta la via razionalista in molteplici progetti di interni. Insieme a foto, bozzetti e testimonianze d’epoca della vasta produzione di Gottardi, la mostra è anche un’opportunità per riattualizzare il suo lavoro attraverso tre complementi d’arredo, realizzati negli Anni Cinquanta e oggi reinterpretati in chiave contemporanea, che saranno commercializzati nel 2019.

via lanzone 23
mariogottardiarchitetto.it

2. LINA BO BARDI E GIANCARLO PALANTI

Lina Bo Bardi e Giancarlo Palanti

Non nuova alla riscoperta del design brasiliano, Nilufar presenta per la prima volta il lavoro dei due progettisti Lina Bo Bardi e Giancarlo Palanti. Si tratta di un importante contributo alla storia del design e del collezionismo: la mostra è infatti il risultato di un approfondito studio di Nina Yashar sull’attività di Lina Bo Bardi come designer di arredi e permette inoltre di riscoprire l’opera di Giancarlo Palanti, dando lustro ai suoi straordinari e inediti progetti.

viale lancetti 34
nilufar.com

3. STRANGER PINKS

Stranger Pinks

Artemest, il portale online per il décor artigianale italiano di alta gamma, invade con la mostra Stranger Pinks le eleganti stanze della villa progettata da Gio Ponti negli Anni Trenta, oggi sede dello showroom di TED. Per l’occasione sono state selezionate nuove creazioni pensate per celebrare il mondo femminile. Tra i molteplici elementi d’arredo in rosa, segnaliamo il tappeto tibetano in lana e seta annodato a mano di Ilaria Toueg, con motivi di palme ispirate ai decori della Hollywood degli Anni Trenta. Lanciato nel 2015 da Ippolita Rostagno e Marco Credendino, il progetto Artemest ha come missione quella di ristabilire l’autentico concetto di lusso basato sul patrimonio, sulla qualità e sull’artigianalità, offrendo una selezione di ben 7.000 prodotti creati da oltre 350 artigiani e designer italiani.

via randaccio 5
tedmilano.com | artemest.com

4. DOMUS 90

Domus 90

La Galleria Carla Sozzani presenta la mostra Domus 90. Giò Ponti, curata da Domus, in occasione dei novant’anni dalla fondazione della rivista. Architetto e designer geniale, fondatore e direttore di Domus per più di quarant’anni, Giò Ponti ha indagato tutti i materiali, dalla carta al vetro; disegnato ogni oggetto, dalle posate ai mobili, fino agli edifici. La mostra sottolinea le molteplici abilità di Giò Ponti grazie alla ricca documentazione dell’archivio Domus e permette al visitatore di immergersi nelle visioni progettuali di questa figura poliedrica, protagonista della ricerca visiva del Novecento.

corso como 10
galleriacarlasozzani.org | domusweb.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giorgia Losio
Giorgia Losio, nata a Milano, è storica dell’arte e appassionata di design. Ha studiato storia dell’arte presso l’Università degli Studi di Milano e si è specializzata in storia e critica dell’arte contemporanea all’Université Sorbonne Paris-IV e in museologia e museografia all’École du Louvre. Ha collaborato alla realizzazione di progetti espositivi con istituzioni internazionali quali MACBA, Cittadellarte-Fondazione Pistoletto Biella, MAMAC Nizza, Pinacothèque de Paris, Palais de Tokyo Parigi, Le Fresnoy-Studio national des arts contemporains Tourcoing. Ha pubblicato articoli su Artribune, Exibart, Tema Celeste e Corriere della Sera.