Come sarà Zona Tortona durante la Milano Design Week? Anticipazioni dal Fuorisalone

Dal design nomade al colore, dalla manifattura 4.0 al design sociale fino ai nuovi trend nell’arredo e nell’interior design, la Tortona Design Week 2017 offre un ampio sguardo sul design del futuro e sui temi più attuali e interessanti sviluppati da aziende e designer.

Dal 4 al 9 aprile 2017 il distretto di Zona Tortona, precursore del Salone del Mobile in città e ancora pieno riferimento del Fuorisalone (secondo GfK, tra i quartieri più attrattivi per oltre il 76% delle persone che hanno partecipato alla Design Week), sarà rivolto al Design to connect. Nel 2017, le sedi che costellano BASE, Mudec, SuperStudio, ma anche il Museo Armani e via Savona, lasceranno spazio a progetti dallo spiccato profilo internazionale provenienti da Cina, Brasile, Germania, Giappone, Francia, Lettonia, Messico, Olanda, Polonia, Singapore, Turchia, UK e USA. Se in Zona Brera la parola d’ordine è gamification, in area Porta Genova il contemporaneo diventa interconnesso, flessibile e portato a misurarsi con bisogni ed esigenze in continua evoluzione.
Dal design nomade al colore, dalla manifattura 4.0 al design sociale fino ai nuovi trend nell’arredo e nell’interior design, Tortona Design Week offrirà un ampio sguardo sul design del futuro e sui temi più attuali e interessanti sviluppati da aziende e designer.

milano-space-makers_ro_ng-cont-emporary-design-exhibition

DESIGN NOMADE E STRUTTURE ITINERANTI

Nell’Ex Ansaldo sarà inaugurata la mostra Design Nomade, primo progetto espositivo nato da una call internazionale a cura di BASE Milano con le suggestioni di Stefano Mirti. Verranno esposti oggetti diversi tra loro, ma accomunati dall’idea di un design agile pensato per rispondere ai nuovi bisogni del vivere contemporaneo: da Itaca, la casa portatile di Elena Bompani fino a WaterBed, l’abitazione sull’acqua di Daniel Durin. BASE Milano ospiterà anche l’evento “Manifattura 4.0. The challenge for the future of the Italian companies” organizzato da CNA Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Industria, che presenta i due progetti speciali “Green Smart Living” e “rOBOTRIP | open tools for art and design”, nato dalla collaborazione tra WeMake e Caracol Design Studio, e l’installazione a cura di Raumlabor e Moleskine, che durante la Tortona Design Week farà scoprire il processo creativo che si nasconde dietro il design del suo Classic Backpack.
Sempre legato al tema del design nomade e parte della mostra in BASE Milano, Quiubox di Tomaso Boano e Jonas Prismontas porta a Milano due strutture “itineranti” che diventeranno InfoPoint della zona ma soprattutto incubatore e punto di contatto tra le comunità di afro-colombiani.

I COLORI DI ONTANI

Per questa edizione, il Superdesign Show di Superstudio si tinge di colore con il tema scelto per il 2017, “Time to Color”, e propone installazioni spettacolari che esaltano l’ampio ventaglio di nuovi prodotti, dai grandi brand ai designer emergenti. Intorno, negli spazi di Opificio 31 e in altre location del quartiere, Milano Space Makers propone la seconda edizione di “Tortona Rocks” ispirata per il 2017 al tema di “People and Places”: nuove dinamiche – e perché no, tensioni – che abitano la scena globale e che ritroveremo tra gli altri nell’installazione House Within a House di Stellar Works e nella collettiva cinese Ròng” Contemporary Design Exhibition. Ancora, Hotel Magna Pars Suites Milano e Magna Pars Event Space ospitano, tra gli altri, le opere emblematiche dello storico Atelier di maioliche faentine Ceramica Gatti 1928, tra cui Aidialettica di Luigi Ontani, che rappresenta il forte legame dell’azienda con l’arte e gli artisti più noti, dal futurismo ai giorni nostri. L’eclettico designer Karim Rashid animerà invece il party esclusivo del magazine F, che festeggia i suoi primi cinque anni partecipando per la prima volta alla Tortona Design Week.

– Ginevra Bria

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. È specializzata in arte contemporanea latinoamericana.