Nasce Art Nouveau Week, che apre al pubblico le ville liberty più belle di Italia e Europa

Mostre dedicate agli artisti più iconici, visite guidate e itinerari per riscoprire le architetture liberty più affascinanti: dall’8 al 14 luglio una manifestazione internazionale mette l’Art Nouveau al centro della scena.

Villa Surre a Sarnico ph. Sergio Ramari
Villa Surre a Sarnico ph. Sergio Ramari

L’Art Nouveau Week è la prima manifestazione a carattere internazionale che celebra il movimento sviluppatosi a cavallo tra ‘800 e ‘900, appunto l’Art Nouveau. Organizzato dall’associazione Italia Liberty, si svolgerà dall’8 al 14 luglio: un periodo non casuale, in cui ricorrono l’anniversario della nascita di Giuseppe Sommaruga, uno tra i protagonisti del Liberty italiano, e quello dell’indiscusso protagonista della Secessione Viennese Gustav Klimt. Tra visite guidate, mostre, conferenze, workshop, performance e spettacoli, sarà creato un network – internazionale, come lo spirito di questa corrente artistica – a cui parteciperanno le regioni di tutta Italia e anche svariate città d’Europa, come Vienna, Bellinzona, Londra, Parigi, Barcellona, Bruxelles, Riga, Praga, Budapest, Glasgow, Nancy, Darmstadt e Helsinki, per un totale di 150 siti storici aperti al pubblico.

ART NOUVEAU WEEK

Il fine dell’iniziativa è anche quello di avvicinare i giovani sensibilizzandoli alla bellezza, fuori dallo schermo di uno smartphone”, spiega il curatore dell’evento, Andrea Speziali, “riuscire a creare un dialogo anche con il pubblico generico rispetto la corrente artistica Art Nouveau. Per questo l’associazione Italia Liberty ha trovato modalità coinvolgenti, che rendono il partecipante protagonista dell’evento, non solo spettatore. L’Art Nouveau Week rispecchia la mia idea di Turismo Culturale, guardando l’esempio di Barcellona che ritengo sia un modello da traghettare in Italia”. Tra queste iniziative, c’è il premio Best Liberty City, che sarà assegnato alla città Liberty italiana meglio fotografata e documentata (per partecipare, basta aderire ai canali social della manifestazione). Curioso è, invece, Urbex Experience, che consisterà in un viaggio itinerante di una settimana, organizzato dall’associazione Italia Liberty, alla scoperta dei dieci edifici Art Nouveau più affascinanti, che saranno svelati ai partecipanti a ridosso della partenza.

ITINERARI E METE

150 dimore storiche tra ville, palazzi e hotel, 120 itinerari Liberty tra Italia e estero e 7 mostre dedicate agli artisti di questo movimento: tra le destinazioni più ambite, si ricordano: Villa Faccanoni, Passeri e Surre a Sarnico, Palazzo Castiglioni a Milano, villa Galimberti a Stresa, villa Zanelli a Savona, villa Rosa a Altare, Casa Viviani a Trieste, villa Castelli e villa Alverà al Lido di Venezia, villa Lydia a Viserba, villino Florio a Palermo, villa Miranda a Catania, villa Serafini a Riccione, villa Galimberti a Stresa, Casa Corigliano a Reggio Calabria, villino Ximenes a Roma. Tra le mostre da segnare in agenda ci sono: Femmes 1900. La donna Art Nouveau presso la Galleria Harry Bertoia di Pordenone, Art Nouveau. il trionfo della bellezza alla Reggia di Venaria a Torino, Isadora Duncan e le arti figurative in Italia tra Ottocento e Avanguardia alla villa e Museo Bardini di Firenze, Melticovitz. L’arte del desiderio e Donne in Liberty a Romano Canavese, Liberty Mon Amour al Battistero di Velate, Varese. Di seguito, una galleria di immagini degli edifici Art Nouveau.

– Giulia Ronchi

Art Nouveau Week
Dall’8 al 14 luglio
In Italia e Europa
[email protected]
www.italialiberty.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Attualmente collabora con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne. Cura la rubrica “Le curatrici donne più influenti nel mondo” per Marie Claire e “Storie d’amore nella storia dell’arte” per Elle.