Treepedia: quanto è verde la tua città?

“Da quando molte città sperimentano gli effetti del riscaldamento globale, l’aumento della frequenza delle tempeste e l’inquinamento atmosferico, il benessere dei nostri alberi non è mai stato più importante”. E così Carlo Ratti ha elaborato il progetto Treepedia.

Treepedia © MIT Senseable City Lab
Treepedia © MIT Senseable City Lab

Nel dicembre 2016 i ricercatori del Senseable City Lab del MIT – gruppo crossmediale nato nel 2005 e diretto dall’italianissimo Carlo Ratti, che studia l’interfaccia tra città, persone e tecnologie – in collaborazione con il World Economic Forum hanno lanciato Treepedia. La piattaforma utilizza dati forniti da Google Street View per misurare e comparare la quantità di verde urbano in alcune città del mondo. Un portale interattivo che, a mo’ di enciclopedia online, offre una mappatura ragionata a disposizione degli abitanti delle città, consentendogli di visualizzare la posizione e le dimensioni degli alberi all’interno delle loro comunità.
Per ora la sperimentazione viene condotta in una decina di centri urbani, tra cui Ginevra, Londra, Toronto, Tel Aviv, New York e Boston. Il MIT Senseable City Lab ha appositamente sviluppato un’innovativa metrica che impiega il sistema Green View Index: in questo modo, ai cittadini è permesso di intervenire direttamente nel processo progettuale e decisionale. “Da quando molte città sperimentano gli effetti del riscaldamento globale, l’aumento della frequenza delle tempeste e l’inquinamento atmosferico, il benessere dei nostri alberi non è mai stato più importante”, ha affermato a riguardo Ratti, classe 1971. “Treepedia nasce per questo, come un indice con il quale confrontare le città una con l’altra, incoraggiare le autorità locali e le comunità ad agire per proteggere e promuovere la volta verde”.
In futuro, grazie all’implementazione tecnologica della piattaforma, gli utenti avranno la possibilità di aggiungere informazioni su una mappa open-source a disposizione di tutti. Potranno quindi impegnarsi con i funzionari della città, garantendo un coinvolgimento maggiore di cittadinanza e autorità sul tema del verde urbano.

– Giulia Mura

http://senseable.mit.edu/treepedia

 

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #36

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua 
inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Mura
Architetto specializzato in museografia ed allestimenti, classe 1983, da anni collabora con il critico Luigi Prestinenza Puglisi presso il laboratorio creativo PresS/Tfactory_AIAC (Associazione Italiana di Architettura e Critica) e la galleria romana Interno14. Assistente universitaria, curatrice e consulente museografica, con una forte propensione all'editoria e allo sviluppo di eventi e progetti culturali, per il magazine PresS/T letter e per il format Archilive ha curato una rubrica sui libri d'architettura. È stata caporedattrice per la rivista araba Compasses e da anni collabora come freelance per testate italiane e straniere; con continuità è presente nella versione online e onpaper di Artribune. È co-founder di Superficial, studio creativo di base a Roma che si occupa di ricerca e sviluppo di progetti incentrati su: comunicazione, immagine, architettura, design, cultura, eventi, branding.